Spaccio di droga ad Alcamo, giovane in manette

Un mercato florido che non conosce crisi. Lo spaccio di sostanze stupefacenti vede protagonisti in negativo sempre più giovani che non richiedono la carta di identità agli acquirenti, spesso minorenni. L’ultimo a finire nelle indagini dei carabinieri è un alcamese di 23 anni sorpreso nei paraggi di piazza Ciullo con sostanze stupefacenti. Il ventitreenne è noto alle forze dell’ordine.

I carabinieri del nucleo radiomobile si sono insospettiti quando il giovane, alla vista dei militari, ha dato segni di nervosismo. Il giovane deve rispondere di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. L’arresto segue di pochi giorni l’operazione antidroga dei carabinieri che ha portato all’arresto di 5 persone. Il 23enne è stato trovato in possesso di alcuni grammi di  marijuana e della somma di 70 euro. Durante la perquisizione domiciliare trovati ulteriori 25 grammi della stessa droga nonché materiale per il confezionamento delle dosi e un bilancino di precisione. Tutto è stato sequestrato.

Centro storico e luoghi della movida sono le principali centrali di spaccio. Ieri, i giudici del Tribunale di Trapani, hanno convalidato l’arresto e sottoposto il giovane alle misure cautelari dell’obbligo di dimora nel comune di Alcamo e all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. La magnanimità con la quale chi commette reati non varca la soglia delle patrie galere vanifica gli sforzi di coloro i quali, forze dell’ordine, ogni giorno sono impegnate a combattere reati. Ad Alcamo, come dimostrano le ricerche del Sert, si consuma droga e alcol già a partire da 13-14 anni. Le famiglie dovrebbero maggiormente vigilare sulle frequentazioni di ragazze e ragazzi.