SP 1 Montelepre – Palermo, parte progettazione per il recupero. Strada chiusa da 9 anni

E’ stata affidata a un team di professionisti la stesura del progetto di
messa in sicurezza di tre chilometri della Strada provinciale 1, la principale via d’accesso, dal lato di Palermo, al comune di Montelepre. L’ufficio contro il dissesto idrogeologico ha messo a punto un altro fondamentale passo per intervenire sulle pareti rocciose che sovrastano l’importante arteria tra il settimo e il decimo chilometro, all’interno del territorio di Torretta.  A progettare e pianificare l’intervento di consolidamento sarà il raggruppamento di profdessionistsi che fa capo al lombardo ‘Studio Associato Protea Ingegneria’ e che è composto dalla ‘Sud Progetti’ e dalla ‘Eg4 Risk’.

Si avvicina, dunque, un traguardo finora inseguito invano da nove anni. Nel 2011, infatti, il lungo tratto d’asfalto venne chiuso al traffico con un’ordinanza dell’ex provincia regionale di Palermo dopo la caduta di numerosi massi dopo un violento incendio. Da allora la zona è off limits ma tantissimi sono gli automobilisti che, a loro rischio e pericolo, aggirando le transenne e percorrono
ugualmente la strada per raggiungere Montelepre. Chi invece rispetta il divieto, è costretto ad affidarsi a percorsi alternativi: l’autostrada Palermo – Mazara oppure la statale.

I disagi, per quasi un decennio, sono stati davvero evidenti. Per questo l’intervento dell’ufficio per il dissesto idrogeologico assume una grande importanza. La struttura commissariale diretta da Maurizio Croce manderà in gara i lavori, non appena riceverà l’elaborato esecutivo e i risultati delle indagini geologiche. Il budget stanziato per la SP 1 Palermo – Bellolampo – Torretta – Montelepre è di un milione e 915 mila euro. La strada era già stata chiusa parzialmente nel 2009, sempre per la caduta massi dalla parete rocciosa, lungo un fronte di circa 250 metri, con danni alla
carreggiata.