Sicilia ritorna ‘arancione’, cambia poco per vaccinati e capienze

Tutti i comuni del trapanese e alcuni della provincia di Palermo lo erano già diventati da alcuni giorni. Adesso anche la restante parte della nostra regione si colora di arancione. Il provvedimento scatterà da lunedì prossimo e in Sicilia cambieranno così le regole le regole che riguardano principalmente chi non ha il Super Green Pass. Chi invece possiede la certificazione verde rafforzata non subirà particolari limitazioni. In arancione sono consentiti gli spostamenti all’interno del proprio comune, mentre gli spostamenti verso altri comuni e verso altre regioni sono permessi a chi non ha il Green Pass soltanto per ragioni di necessità, da motivare con autocertificazione. Chi possiede il Green Pass ‘base’ e quello rafforzato, invece, può muoversi liberamente dentro e fuori dalla regione. Fa eccezione la regola sugli spostamenti da comuni di massimo 5mila abitanti verso altri comuni entro 30km, eccetto i capoluoghi di provincia: in questo caso lo spostamento è consentito per tutti. Il servizio di scuolabus è garantito a tutti. In zona arancione possono accedere ai negozi che vendono beni o servizi alla persona tutti i cittadini. Anche l”accesso agli uffici pubblici per usufruire dei servizi è sempre consentito.

L’accesso ai centri commerciali, invece, è consentito a tutti nei giorni feriali, mentre nei giorni festivi è consentito solo a chi ha il Super Green Pass. In zona arancione, bar e ristoranti sono aperti solo per chi ha il Super Green Pass: sia per consumazione al banco che per quella al tavolo, all’aperto o al chiuso. Dunque, chi non possiede il Super Green Pass non può bere un caffè al bar neanche all’aperto. L’attività sportiva all’aperto, anche in aree attrezzate e parchi pubblici, è consentita a tutti, mentre al chiuso e nelle piscine consentita solo a vaccinati o guariti, quindi a chi è in possesso del Super Green Pass. Stessa cosa per l’accesso agli spogliatoi, così come per gli sport di squadra in impianti e circoli sportivi al chiuso. Aperta a tutti l’attività riabilitativa e terapeutica, così come gli sport di squadra e attività in centri e circoli sportivi all’aperto. Gli sport di contatto, sia all’aperto che al chiuso, sono consentiti solo a chi ha la certificazione verde rafforzata. Il Green pass ‘base’ è obbligatorio invece per accedere ai luoghi di lavoro, mentre chi non è in possesso di certificazione verde ottenuta attraverso vaccino o tampone non potrà accedere.

Tutti possono invece accedere alle scuole di ogni ordine e grado, senza distinzioni. Per quanto riguarda l’Università, chi non ha il Green Pass non può accedervi. L’ingresso a cinema, teatri, altri tipi di spettacolo, sale da concerto, locali di musica dal vivo al chiuso è consentito solo a chi ha il Super Green Pass, così come quello a mostre e musei, mentre per biblioteche e archivi è possibile anche per chi ha la certificazione ‘base’. Per centri benessere e termali, sia all’aperto che al chiuso, chi non ha il Super Green Pass non può fare ingresso. Stessa cosa vale per centri culturali, sociali e ricreativi, al chiuso o all’aperto, sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò. Per partecipare a concorsi pubblici in presenza in zona arancione, serve almeno il Green Pass ‘base’, che si può avere anche con tampone.