Si avvicina Pasqua, il prefetto dispone controlli in strada più ferrei

Il prefetto Tommaso Ricciardi

In vista delle prossime festività pasquali, il prefetto di Trapani, Tommaso Ricciardi, ha tenuto ieri una riunione, in videoconferenza, con tutte le forze dell’ordine, per pianificare un rafforzamento ulteriore delle attività necessarie a monitorare il rispetto delle misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19.

Nel corso del vertice è stata disposta l’intensificazione dei controlli in strada per monitorare spostamenti, non ammessi, specie verso le località turistiche della provincia nelle quali sono presenti numerose case di villeggiatura. Il Prefetto Ricciardi, pur sottolineando che ad oggi non si sono registrate gravi criticità sul rispetto delle restrizioni sugli spostamenti, ha disposto di rafforzare, già fra un paio di giorni, i servizi di vigilanza lungo le principali arterie del territorio e presso i porti di imbarco per le isole Egadi e per Pantelleria, per prevenire e contrastare violazioni alle disposizioni di contenimento emanate a tutela della salute dei cittadini.

Al riguardo la prefettura di Trapani intende ricordare che gli spostamenti delle persone sono consentiti soltanto per comprovate esigenze lavorative, esigenze di assoluta necessità e motivi di salute e che il mancato rispetto delle misure di contenimento, che costituisce reato,  è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una multa che va da 400 a 3.000 euro. In questo periodo pasquale il contenuto delle autodichiarazioni sarà sottoposto ad attenti controlli da parte delle forze dell’ordine per verificarne la veridicità e che, nel caso emergessero dichiarazioni false, saranno oggetto di denuncia alla competente autorità giudiziaria.

“Stiamo attraversando un momento complesso – ha detto a latere della riunione il prefetto di Trapani, Tommaso Ricciardi, – ma al contempo decisivo dell’emergenza. Fondamentale per interrompere la catena del contagio è osservare rigorosamente le misure di contenimento e rispettare il distanziamento sociale”.