Prima campanella per gli studenti di 850 istituti siciliani il nuovo anno scolastico

È squillata questa mattina la campanella per gli studenti e le studentesse di 850 scuole in tutta la Sicilia. Incontenibile, come sempre accade, l’emozione dei più piccoli, prossimi, attraverso il loro ingresso nella scuola, a debuttare nella società. Ben diverso il piacere sperimentato da ragazzi e ragazze degli istituti superiori e dai loro insegnanti, tutti pronti e  quanto mai ben disposti a riappropriarsi della didattica in presenza, del contatto mediato dalla fisicità e dall’interazione pedagogica diretta.

La pandemia non può dirsi tuttavia archiviata, per questa ragione persiste, in tutte le scuole di ogni ordine e grado, un rigido protocollo di regole anticovid19 che coinvolgono allo stesso modo personale scolastico, alunni e le loro famiglie.  Il Green pass sarà obbligatorio per tutti gli adulti che gravitino nella scuola, con il divieto di ingresso nell’edificio per coloro che non dovessero esserne muniti. Unica possibilità alternativa alla carta verde un tampone da ripetersi ogni 48 ore. Per gli studenti, al contrario, non è necessario munirsi del Green pass; saranno tuttavia disponibili per loro tamponi salivari a campione e resta in vigore l’obbligo delle mascherine e del distanziamento in classe, nei corridoi e in palestra. Tra le precauzioni previste, gli ingressi scaglionati e l’accurata areazione dei locali nei  cambi d’ora e a fine mattinata. Si ricorrerà alla Dad (didattica a distanza) in caso di contagio, ma esclusivamente per la classe dove è stato riscontrato il focolaio.

L’assessore regionale all’istruzione e alla formazione, Roberto Lagalla, fa sapere che in Sicilia solo il 5,6 per cento del personale scolastico deve ricevere ancora la prima dose. Numeri incoraggianti se parliamo di poco più di 7 mila soggetti su una platea di ben 135 mila persone. Il 56,62 per cento degli allievi e delle allieve tra i 12 e i 19 anni, fa sapere ancora l’assessore Lagalla, ha iniziato il ciclo vaccinale. Mentre risultano già immunizzati il 41,37 per cento degli allievi.

Il calendario scolastico che si apre oggi, si concluderà il 10 giugno 2022, i giorni di attività didattica saranno 207; 206 se la festa del Santo Patrono locale ricade durante l’anno scolastico. Il termine delle attività per le scuole dell’infanzia è fissato al 30 giugno. Le vacanze di Natale sono previste dal 23 dicembre al giorno dell’epifania; quelle di Pasqua dal 14 al 19  aprile. La ricorrenza del 15 maggio, festa dell’Autonomia Siciliana, fino a qualche anno fa in rosso nel calendario, sarà dedicata a specifici momenti di aggregazione per lo studio dello Statuto della Regione Siciliana e l’approfondimento di tematiche connesse all’autonomia.0