Scala, fuga in avanti: “Parte mia campagna elettorale”. Alleati sorpresi

Una fuga in avanti, probabilmente per creare entusiasmo attorno all’arrivo ad Alcamo di Bellanova e Faraone, che però ha spiazzato i potenziali alleati in vista delle elezioni amministrative che sono state rinviate ad ottobre. Giacomo Scala ha quindi deciso di rompere gli indugi e il suo post, che dice e non dice ma che concretizza quasi del tutto la sua malcelata volontà di ricandidarsi a sindaco, ha sorpreso i componenti di quella coalizione che lavora da qualche mese. I partiti ufficiali del centro-destra, senza MPA e Cantiere Popolare, hanno da tempo accolto il gruppo Scala, vale a dire Italia Viva, che però correrà con una lista civica.

L’esternazione dell’ex sindaco su facebook, probabilmente concordata con il suo nuovo e più convinto alleato, l’assessore regionale Mimmo Turano, ha provocato molta sorpresa sia in Vincenzo Abate di Diventerà Bellissima che in Maurizio Miceli di Fratelli d’Italia. Un’uscita che probabilmente procurerà l’effetto contrario, quello di spaccare il fronte e di rendere ancora più difficoltoso il dialogo sui tavoli della politica siciliana, quegli stessi tavoli che hanno caldeggiato l’intesa UDC – Italia Viva, con la nomina del nuovo assessore regionale che ha preso il posto di Pierobon. “Credo che da oggi per me inizia la campagna elettorale, credo che le tante contradizioni di questi anni vanno spiegate, tanti devono chiedere scusa per tutto quello che hanno detto e per tutto quello che hanno promesso di fare e non hanno fatto”. Così esordisce Scala nel suo post pubblicato ieri sera.

“Sarò in prima linea impegnato come e più di prima per amore della mia città e per amore della verità. Ora bisogna dare una guida sicura decisa e autorevole alla città”. “Noi ci siamo – conclude Scala – IO CI SONO. #sindaco2021”. Giacomo Scala si candida nuovamente a primo cittadino? Ci ha risposto “Vedremo” ma tutti oramai pensano si tratti di una certezza. D’altro canto l’ex sindaco di Alcamo e l’assessore regionale Mimmo Turano avrebbero già pianificato un’intesa ferrea che prevede anche come operare in occasione delle prossime regionali e delle politiche.