Sbarchi, Guardia di Finanza intercetta 78 tunisini e ne arresta 9. Un barcone sovraccarico stava affondando

I militari della Guardia di Finanza di Trapani, in coordinamento con la componente navale del corpo, hanno individuato 78 immigrati clandestini, tutti di nazionalità tunisina, e arrestati 9 di essi dopo gli accertamenti sulla loro identità che, come consuetudine, vengono fatti prima dell’accompagnamento al centro di temporanea accoglienza di Milo.

L’azione di monitoraggio in acque sia nazionali che internazionali, eseguita con i più avanzati mezzi tecnologici, ha consentito alle Fiamme Gialle di intercettare al largo dell’isola di Pantelleria,  oltre 40 persone che cercavano di approdarvi con imbarcazioni di fortuna, mentre, al largo di Capo Granitola di Mazara del Vallo, altri 38 che, su di un  “barcone” di appena 10 metri e in pessimo stato di manutenzione,  erano ammassati e pronti a sbarcare sulla costa siciliana. In quest’ultimo caso, il tempestivo e repentino intervento dei finanzieri ha consentito di portare in salvo i clandestini la cui imbarcazione stava per affondare.