Riparte l’Eccellenza, goleada al ‘baby’ Marsala. Ottimi Mazara e Folgore

Con sole 10 squadre ai nastri di partenza è ripartito il campionato di Eccellenza. Annullate le gare disputate prima dello stop e tutte le compagini sono partite in classifica da quota zero. Si disputeranno soltanto le giornate del girone di andata, quindi nove partite, e poi le migliori verranno inserite in una poule-promozione che decreterà la squadra che sarà promossa in serie D.

La ripresa del torneo è stata contraddistinta da conferme ma anche da novità. Innanzitutto il Masala che ha deciso di scendere in campo con i ragazzini e nonostante le dimissioni del presidente. L’undici azzurro ha buscato ben 8 reti in casa, dalla Sancataldese. Tutto secondo copione in casa Mazara con i canarini che immediatamente si sono dimostrati in forma e in grado di coltivare il loro sogno di promozione.

Chi invece ha fatto molto bene, andando anche oltre le aspettative, è stata la Folgore, recentemente affidata alla ‘bandiera rossonera’ Vito Signorello, capace di ottenere un pareggio sul terreno dell’Akragas. I castelvetranesi sono apparsi più amalgamati e quadrati, anche se meno brillanti fisicamente, rispetto agli agrigentini che avevano invece inserito sei nuovi calciatori. 1 a 1 il risultato finale, per nulla demeritato dalla Folgore che era anche in vantaggio e che aveva pure sfiorato il raddoppio.

A fine gara il tecnico akragantino Ciccio Di Gaetano, ex attaccante di Alcamo e Trapani nonché ex braccio destro di Roberto Boscaglia (tecnico che si è anche seduto sulla panchina agrigentina), ha affermato, senza peli sulla lingua, che alla sua squadra è mancata  cattiveria agonistica, capacità di mordere e spirito di sacrificio. Molto soddisfatto invece Vito Signorello per un risultato che, seppure inatteso, poteva anche essere migliore.