Rimozione rifiuti abbandonati, Comune diffida ditta. Incarico sostitutivo

E’ durato poco l’idillio amoroso tra Comune di Alcamo e Roma Costruzioni, la ditta che fine al termine del 2027 si occuperà della pulizia del territorio, del verde pubblico e della raccolta dei rifiuti. Nocciolo dei primi dissidi è Alcamo Marina e le sue perenni montagne di rifiuti di ogni genere abbandonati dovunque. Da due giorni la stazione balneare di villeggiatura degli alcamesi sta subendo un corposo intervento di rimozione straordinaria dei rifiuti ma le operazioni sono state affidate a un’altra ditta, la Rubbino srl di Carini.

Ulteriore incremento quindi del costo del servizio? Assolutamente no, bensì la prima frattura fra amministrazione Surdi e nuovo gestore. All’impegno di spesa in favore della Roma Costruzioni, più esattamente Ciclat Ambiente, sono stati infatti tolti infatti circa 3.100 euro che sono stati girati alla ditta Rubbino per il servizio sostitutivo di rimozione dei rifiuti abbandonati.

I primi attriti fra amministrazione comunale e ditta aggiudicataria dell’appalto settennale risalgono a due note della fine del mese di maggio con cui il comune contestava il non completo servizio di porta a porta ad Alcamo Marina e anche la presenza di moltissimi rifiuti abbandonati principalmente, si legge nella determina dirigenziale 142 di ieri, per l’inefficienza del servizio di raccolta.

Dopo le note di contestazione dello scorso maggio, in questi giorni sono seguiti dei sopralluoghi ad Alcamo Marina da parte della polizia municipale sfociati poi con lettera di diffida, alla Roma Costruzioni, numero 44911 di martedì scorso.

I disservizi sul territorio alcamese soprattutto per la bonifica delle discariche abusive e la rimozione dei rifiuti abbandonati erano stati al centro di alcuni servizi del nostro TG tra la fine di aprile e i primi giorni di maggio. Adesso è arrivato il provvedimento del Comune di Alcamo a dimostrazione che la nostra inchiesta giornalistica avesse detto la verità. Come sempre!