Record di test nel trapanese, positività all’1,3%. Alcamo 0,62%, niente a Castellammare

I già elevatissimi numeri dello screening dedicato agli istituti scolastici superiori sono stati nettamente superati. Nelle postazioni ‘drive-in’, sabato e domenica scorsi, i sanitari della provincia di Trapani e i cittadini hanno rappresentato di gran lunga il territorio provinciale con il maggior numero di tamponi rapidi effettuati in tutta la Sicilia. Si tratta dei test disposti in favore in della popolazione delle scuole medie. Le Usca e i sanitari ingaggiati dall’ASP di Trapani sono riusciti nell’impresa di superare i 22.000 prelievi in due giorni, nei 13 check-point del territorio provinciale.

Incoraggiante la percentuale dei positivi, 1,3% pari a 284 così
individuati e così distribuiti: 76 a Mazara del Vallo, 32 a Castelvetrano, 30 a Trapani, 26 a Marsala, 11 a Salemi e nessun nuovo positivo a Castellammare del Golfo su 569 tamponi-rapidi. Entrando con più attenzione nei numeri dei comuni più grandi dove sono state allestite le postazioni, la percentuale più bassa si è registrata a Salemi e ad Alcamo, 0,53% nella cittadina belicina e 0,62 ad Alcamo (15 positività su 2.406 campioni, una ogni 160). Rapporto prelievi-positivi molto basso anche a Marsala (0,81%) e a Trapani (1,3). Un po’ più preoccupanti, ma comunque distanti anni luce dalla media nazionale che ieri ha registrato 17 tamponi positivi ogni 100, i numeri riguardanti Castelvetrano: 2,23% di positivi. La città che comunque dallo screening ne è uscita peggio è Mazara del Vallocon 76 positivi su 3.329 prelievi pari al 2,3%.

Il territorio di competenza dell’ASP di Trapani è stato quello ad avere il maggior numero di postazioni, ben 13 contro le 11 di Ragusa e le sei di Catania. Tutte le 284 positività rilevate dovranno adesso essere confermate dai tamponi molecolari. Fra domani e dopodomani, quindi, il totale complessivo degli attualmente positivi nel trapanese è destinato ad aumentare.

Cifre e percentuali diverse nel palermitano dove i check-point sono stati allestiti, oltre che alla Fiera del Mediterraneo di Palermo dove funziona da giorni, anche a Bagheria, Castelbuono e Termini Imerese. In tutto sono stati effettuati 4.532 prelievi di tamponi-rapidi che hanno evidenziato 236 casi positivi. Una percentuale del 5,21%. Lo screening è stato organizzato dall’assessorato regionale alla salute in collaborazione con ANCI Sicilia e con le amministrazioni locali.