Rapina da 65.000 euro al Credem di Trapani. Polizia arresta banda dopo circa 3 mesi

0
456

Rapina da 65.000 euro alla banca Credem di via Virgilio a Trapani, lo scorso 26 di agosto. La banda è stata tradita da un t-shirt che ha consentito alla Polizia di chiudere le indagini. Sono quindi finiti in manette Francesco Lo Coco, 29 anni, Pietro Di Mariano, ventiseienne, Gioacchino Buscetta di 36 anni, tutti pregiudicati e tutti di Palermo. La Squadra Mobile ha individuato i tre rapinatori “in trasferta” attraverso l’analisi dei filmati di numerosi impianti privati di videosorveglianza presenti in città. Una particolare t-shirt bianca e nera, indossata da Buscetta durante la rapina, è stata determinante per risalire alle auto utilizzate per la fuga e per identificare tutta la banda.

Le immagini hanno permesso agli uomini della Sezione Reati contro il Patrimonio di ricostruire gli spostamenti dei rapinatori, da quando hanno lasciato Trapani, dopo il colpo, sino al rientro nelle loro abitazioni a Palermo.  Decine di filmati, comparati con le immagini delle telecamere presenti nella filiale della banca, e numerose intercettazioni telefoniche e ambientali.

La rapina era avvenuta il 26 agosto, alle 11.30. I rapinatori erano entrati nella filiale Credem grazie a Lo Coco che, fingendosi un cliente, aveva oltrepassato per primo la bussola di sicurezza, con il viso parzialmente nascosto da un cappellino. Una volta all’interno, aveva minacciato uno dei cassieri con un paio di forbici trovate su una scrivania e gli aveva fatto aprire la bussola, per far accedere gli altri due complici.

Con estremo sangue freddo e autocontrollo, i tre malviventi hanno poi chiuso in una stanza gli impiegati e i clienti presenti insieme a quelli che, via via, entravano nella filiale, ignari di cosa stesse accadendo . La banda ha quindi atteso il tempo necessario a due aperture delle casseforti e hanno prelevato ben 65.000 euro prima di fuggire con una Golf e una Multipla. Sul percorso fatto dalle due auto, in via Fradella, la polizia ha poi trovato, dentro a un cassonetto dei rifiuti, una camicia e i guanti in lattice indossati da uno dei malviventi e tre telefoni cellulari, che erano stati sottratti ai clienti della banca.

Stamattina alle 4.00, il blitz nel capoluogo isolano a Ballarò e a Misilmeri, da parte della Squadra Mobile di Trapani in collaborazione con quella di Palermo. Durante la perquisizione nell’abitazione di Francesco Lo Coco, è stato rinvenuto e sequestrato anche un chilogrammo di hashish suddiviso in panetti e diverse dosi.