Progetto Courage, a Tunisi gli eventi conclusivi

0
268

La delegazione italiana dei partner del progetto Courage in questi giorni è a Tunisi per una 3 giorni dedicata agli eventi conclusivi. I referenti del Comune di Alcamo, dell’ASP di Trapani e dell’Associazione Proloco di Castellammare del Golfo sono stati accolti a Tunisi dalle associazioni APEL e UTSS, partner tunisini del progetto, che dopo circa due anni, giunge alla sua conclusione. I partner sono nella capitale tunisina per fare il punto sugli obiettivi raggiunti e sui risultati realizzati, discutendo al contempo di sostenibilità e nuove opportunità. Ieri la visita a Takelsa dove si trova uno degli incubatori sociali realizzati nell’ambito del progetto Courage dai partner APEL e UTSS con la testimonianza di Ramzy Ben Attia, giovane che ha realizzato il suo progetto di impresa sociale; oggi in programma la conferenza finale Courage, per la presentazione, da parte di tutti i partner, dei risultati raggiunti; domani, infine, mercoledì 20 luglio, al Museo del Bardo un’intera giornata dedicata ai progetti del Programma Italia Tunisia organizzata dall’Autorità di Gestione del Programma. Il Progetto Courage si inserisce nella sessione pomeridiana dedicata alle “imprese e imprese sociali”: a partire dalle 17.30 i rappresentanti del progetto Courage insieme ad altri due progetti Italia-Tunisia: DASF e ENTREPART, si confronteranno sui risultati raggiunti, scambiandosi buone pratiche per future iniziative. “In due anni – si legge in una nota inviata dalla coordinatrice del progetto, Agata Scandariato – il Progetto Courage, in Sicilia e in Tunisia, ha messo in campo una serie di strumenti a sostegno dei giovani e delle loro idee: formazione specifica per 25 aspiranti imprenditori, seminari tematici sull’imprenditoria sociale, sulla creazione di impresa e sulle fonti di finanziamento, è stata creata una rete di sportelli sui territori che ha dato assistenza a oltre 150 giovani, sono stati realizzati 3 incubatori sociali (2 in Tunisia e uno a Trapani presso l’ASP). A questi concreti risultati, oggi si aggiungono, in Sicilia, due importanti traguardi: il primo, in ordine cronologico, è la nascita della Rete Courage che prosegue il lavoro avviato con gli sportelli informativi e che vede i Comuni di Alcamo, Castellammare del Golfo e Calatafimi impegnati in attività di informazione e consulenza sulla creazione di impresa; il secondo è la realizzazione ad Alcamo, presso la Cittadella dei Giovani, di uno spazio co-working dedicato alle idee e ai progetti imprenditoriali. Si tratta di spazi arredati e attrezzati che possono essere condivisi, gratuitamente, da una o più giovani aziende al fine di sostenerle in fase di avvio, dando così un concreto punto di riferimento sul territorio. L’idea è quella di proseguire e consolidare il lavoro avviato sul territorio trapanese dal progetto Courage: sostenere i giovani, stimolare la creazione di impresa, valorizzare il settore sociale. Con questi obiettivi nasce lo spazio co-working Courage: creare sinergie, creare relazioni tra persone, creare un processo sociale collaborativo dove si possono scambiare conoscenze e competenze”.