Premio “Giovanni Cumbo” a Terrasini, giovani consulenti del lavoro in aiuto alle imprese

“Il salario minimo non è la soluzione”: lo dicono gli oltre 2.100 consulenti del lavoro impegnati in Sicilia a sostenere le imprese a trovare soluzioni pratiche e concrete per affrontare l’attuale crisi causata da una serie di eventi che, se dovessero continuare in assenza di un argine, porterebbero alla inevitabile chiusura delle attività imprenditoriali.  Assistenzialismo, precarietà, carenza di liquidità per i nuovi investimenti e gli sforzi per creare una occupazione si scontrano troppo spesso con le lungaggini burocratiche che complicano la stipula di nuovi contratti di lavoro, soprattutto per i più giovani.

In questo clima di incertezze e difficoltà, emerge una figura professionale importante che è quella del consulente del lavoro che, negli ultimi anni, ha visto l’iscrizione alla categoria di molti giovanissimi, per lo più donne ed è con questo spirito propositivo che, di recente, 145 giovani professionisti sono stati premiati, nell’ambito della sesta edizione del premio “  Giovanni Cumbo” organizzato dai vertici della Consulta regionale Consulenti del Lavoro.