Polizia municipale di Trapani ed Erice, un accordo per cooperazione su zone di confine

0
375

Un accordo per far fronte alle criticità di viabilità e sicurezza urbana causate dai particolari confini tra Trapani ed Erice. Sarà firmato dai rispettivi due primi cittadini, Vito Damiano e Giacomo Tranchida, e consentirà di utilizzare il personale al di fuori del comune di appartenenza con mezzi e armi in dotazione agli agenti di Polizia Municipale. L’intesa dovrebbe essere in grado di garantire una migliore gestione nei controlli annonari sulle strade di confine, per i quali i Comuni sono interessati a debellare il fenomeno dell’occupazione abusiva del suolo pubblico, ed una migliore pianificazione dei servizi di parcheggio. Durante i controlli su tali aree il coordinamento del personale impiegato spetterà al comandante del Comune competente per territorio, così pure il procedimento relativo alle varie sanzioni da emettere. L’accordo di collaborazione, come evidenzia una nota del Comune di Trapani, rappresenta una sperimentazione nelle more che la convenzione, in corso di elaborazione, sia presentata e approvata dall’organo consiliare. Damiano ha voluto chiarire che “l’accordo mira a superare le criticità che sin qui sono state rilevate nell’azione sanzionatoria di comportamenti illeciti posti in essere alternativamente sul territorio di un Comune piuttosto che dell’altro, dove normalmente la polizia municipale non può intervenire per difetto di competenza. Gli agenti della polizia municipale potranno, quindi, al di là della loro appartenenza comunale, intervenire su entrambi i territori”.