Piede quasi tranciato da decespugliatore, elicottero a Poggioreale per salvare forestale

Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano e IV Reparto volo della Polizia di Stato in azione tra le montagne di Poggioreale per recuperare un operaio turnista della forestale gravemente ferito dal decespugliatore che stava utilizzando. Il 58enne poggiorealese, Vito Culmone, si è quasi tranciato un piede con la lama dell’attrezzatura, mentre eseguiva lavori in contrada Menta. Una profondissima ferita alla gamba sinistra, all’altezza della caviglia, con vasta perdita di sangue e piede quasi pensolante. A dare l’allarme al Numero Unico di Emergenza 112, alle 9 circa di questa mattina, sono tati altri operai della forestale che lavoravano nelle vicinanze.

Il 118 ha inviato immediatamente un’ambulanza che però non è riuscita a raggiungere il cinquantottenne: zona troppo impervia, quella nei pressi di Poggioreale vecchia, e strade impraticabili perché troppo fangose e scivolose. E’ stato quindi allertato il Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano che, a sua volta, ha chiesto l’intervento del Reparto Volo della polizia. Un elicottero ha quindi imbarcato due tecnici di elisoccorso del SASS all’aeroporto di Boccadifalco e in pochi minuti ha raggiunto Poggioreale dove, intanto, i sanitari del 118 erano riusciti a raggiungere a piedi il ferito insieme a una pattuglia dei carabinieri. Il personale del soccorso alpino siciliano, calati col verricello, hanno immobilizzato l’operaio della forestale, lo hanno imbarellato e issato a bordo del velivolo dove c’era anche personale medico-sanitario del servizio del 118. Poi si sono diretti all’ospedale Civico di Palermo dove lo hanno consegnato ai sanitari.

In caso di incidenti su pareti di roccia, sentieri, ambienti innevati, in grotta e gole fluviali o in caso di dispersi in ambiente impervio e ostile, tramite il 112, si può allertare il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico.