Picchiava madre e compagna per comprare droga, arrestato

Il ragazzo, un ventitreenne originario del palermitano ma residente a Trapani, era già noto alle Forze dell’Ordine per il suo passato piuttosto turbolento, ma da più di un anno portava avanti uno dei comportamenti più odiosi, minacciando e, in alcuni casi, percuotendo sia la madre che la compagna, per estorcere loro il denaro necessario a procurarsi la droga. Ma nella notte tra venerdì e sabato, i Carabinieri della Stazione di Valderice hanno fatto scattare le manette, grazie ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita nei suoi confronti. Più volte denunciato, i Carabinieri erano già intervenuti presso l’abitazione, per tutelare le donne dalle violenze del giovane. Le indagini, iniziate in seguito a quegli interventi, hanno permesso ai Carabinieri di ricostruire in maniera chiara la situazione familiare e le vessazioni che erano costrette a subire giorno per giorno le due donne, conviventi di fatto con il giovane aguzzino. Continui soprusi, minacce che spesso degeneravano in violenze avevano reso quella convivenza un vero e proprio incubo. L’arresto ha finalmente posto la parola fine alla vicenda, liberando le due donne da quella che era diventata una persona pericolosa e di difficile gestione. Per il giovane si sono invece aperte le porte del carcere “San Giuliano” di Trapani.