Pestano e rapinano un anziano, è in fin di vita

    Notte di follia e violenza, quella del 18 settembre, a Partanna: tre giovani rumeni, hanno letteralmente ridotto in fin di vita un anziano (D.G.A.), attualmente ricoverato presso il reparto “Trauma Centers” dell’Ospedale di Villa Sofia di Palermo, a causa delle numerose ferite riportate e di una sospetta emorragia celebrale.

    L’anziano, che conosce i suoi aggressori, era stato invitato, con una scusa, a casa di Virgil Danut Achim, in cui vi era anche la moglie, Maria PamelaSerpe, ed un altro amico connazionale Razuan Nicolai Grancea

    Nel corso della nottata i tre rumeni, in preda ai fumi dell’alcool, hanno rinchiuso l’anziano all’interno di una delle stanze da letto e lo hanno malmenato con brutale violenza, sferrandogli calci e pugni, provocandogli una serie di ferite su tutto il corpo, minacciandolo, con una scimitarra di tipo artigianale e con due coltelli a serramanico.

    Servendosi dell’auto della vittima, l’hanno accompagnato a casa, sottraendogli circa mille euro in contanti e una moto-sega a scoppio.

    Ritornati a casa, si sono messi tranquillamente a dormire, fino a quando, alle prime luci dell’alba sono stati svegliati dai carabinieri di Partanna che intanto erano riusciti a risalire alla loro identità. All’interno dell’abitazione i militari hanno rinvenuto un’ingente quantità di sangue sul pavimento della camera da letto, il lenzuolo del letto completamente intriso di sangue, la scimitarra, i coltelli e il denaro della vittima.

    I tre sono stati arrestati; i due uomini sono stati condotti presso la casa Circondariale di Marsala, e la donna, presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare.

    La posizione degli arrestati  è tuttora al vaglio della competente A.G. di Marsala per la relativa convalida: sono accusati di tentato omicidio, rapina aggravata e lesioni personali in concorso.

    Lotta ancora tra la vita e la morte l’anziano, vittima dell’incredibile episodio di violenza.