Partiti i lavori per la pavimentazione della Chiesa Madre a Castelvetrano

La chiesa Santa Maria Assunta a Castelvetrano grazie ai fondi dell’ 8×1000, destinati alla Chiesa cattolica dai contribuenti italiani, sarà possibile intervenire per la sistemazione del pavimento in marmo. Il cantiere aperto da qualche giorno, costerà 115 mila euro e sarà concluso entro la fine di giugno del 2021. I lavori interesseranno anche la volta del cappellone absidale, col risanamento della superficie impermeabile, consentendo, così, di eliminare le infiltrazioni di acqua e al contempo preservare le superfici interne finemente decorate della zona conca della chiesa. Gli operai interverranno anche per il ripristino delle decorazioni interne in stucco, degradate a causa del cattivo funzionamento della copertura. La chiesa madre “Santa Maria Assunta” si inserisce nel contesto del Sistema delle piazze di Castelvetrano. Fu costruita, per volontà di Giovan Vincenzo Tagliavia, primo Conte di Castelvetrano tra il 1520 e il 1579. L’area su cui sorge era occupata da tre preesistenti chiese: la vecchia Matrice, la cappella di Santa Chiara e quella di San Giorgio, base del futuro campanile. La nuova chiesa madre, contrariamente alle tendenze architettoniche rinascimentali, presenta un impianto “neonormanno” ovvero ispirata alle architetture religiose del medioevo siciliano e ha un impianto basilicale a tre navate, un transetto e un coro rialzato dal sottostante santuario che è la sepoltura del santo. La tessitura muraria dell’esterno, in conci di arenaria a faccia vista con merlature a coronamento dei prospetti laterali, invece, si pone in continuità con la tradizione medievale.