Partinico: scomparse buste, annullata gara d’appalto

0
262

PARTINICO. Nessuna traccia delle buste che dovevano ancora essere sigillate e conservate per una gara d’appalto saltata a Partinico. Sembrano essere scomparse dal nulla dal protocollo generale del Comune. Il responsabile del Settore dei Lavori pubblici, Anna Maria Rizzo, ha quindi deciso di denunciare tutto alla Compagnia dei carabinieri della città. E’ giallo attorno al mancato rinvenimento di tre plichi presentati da altrettante ditte per la prima gara d’appalto indetta nel dicembre del 2012 e mai espletata inerente l’attivazione del Sitr, il sistema informatico territoriale generale. Una vicenda che è saltata fuori in questi giorni all’atto della ripubblicazione del bando della medesima gara. Una delle ditte che ha ripresentato l’offerta, la Sinergis di Trento, ha chiesto notizie in merito al primo plico presentato: “Che fine ha fatto?” ha chiesto il rappresentante dell’azienda, dando anche il numero di protocollo dell’istanza a suo tempo presentata. Da questa richiesta l’ufficio si è reso conto che di questa busta non vi era più traccia. Si è contestualmente avviata la ricerca anche delle altre due buste depositate all’epoca dalle ditte Omnigis di Norcia e Intesa di Palermo ed anche in questo caso non sono state rinvenute dagli uffici. “Tutto questo – ha precisato il responsabile del procedimento per conto del Comune, l’ingegnere Nunzio Lo Grande – ha generato un’incongruenza di procedure che si ritiene opportuno nell’interesse dell’ente e della collettività annullare in autotutela”. La Rizzo ha contestualmente deciso di fare propria questa proposta e di annullare quindi anche la seconda gara d’appalto. Tale comunicazione è stata girata alla ditta che era risultata temporaneamente aggiudicataria dell’appalto, Globo srl di Bergamo,a  cui quindi viene comunicato che è stato tutto annullato: “L’iter – ha precisato ancora Lo Grande – rende inefficace la procedura avviata”. L’appalto quindi resta del tutto congelato così come i fondi, circa 200 mila euro, che sono stati stanziati dall’assessorato regionale Territorio e Ambiente. Ora, visti i tempi che sono destinati inevitabilmente ancora ad allungarsi, il Comune di Partinico rischia concretamente di perdere questi fondi. Il Sitr è una banca dati che avrebbe permesso di  realizzare o di accedere ad ogni tipo di foto cartografica e aereofotogrammetrica del territorio comunale con un  semplice click. Le potenzialità di utilizzo di un sistema digitale del genere sono davvero numerose e i cittadini di Partinico avrebbero potuto usufruire di una  molteplice serie di servizi. Sarà possibile ad esempio realizzare ed acquisire  molto più facilmente, coperture aereofotogrammetriche, a varie scadenze temporali, elaborazioni fotocartografiche e cartografie tematiche. Era prevista la realizzazione di un’apposita struttura attraverso l’acquisto di arredi, hardware e software. Il comune aveva già individuato anche i locali nei quali attivare il nodo informatico: in via Tenente la Fata.

Most of the patterns are pretty offensive in terms of fashion
lous vuitton speedy How to Become a Merchandising Analyst

especially when it comes to clothing
burberry schalBuying Duplexes and Quad Plexes