Partinico-Incidente mortale Ss.113, dinamica al vaglio dei carabinieri

Partinico e Borgetto piangono Maria Chiara Bono, 28 anni, originaria della cittadina partinicese ma da anni residente a Borgetto. I funerali della giovane, morta in seguito all’incidente avvenuto sulla statale 113 a Partinico, all’altezza della cantina Cusumano,  si terranno domani alle 15 alla chiesa del Santissimo Salvatore di Partinico.

Il suo cuore ha smesso quasi subito di battere una volta arrivata all’ospedale Civico di Partinico dove le sue condizioni erano davvero disperate. Oggi i carabinieri stanno mettendo a punto la relazione sulla base dei rilievi del terribile incidente.

La 28enne stava andando in palestra, dove frequentava una scuola di ballo, ma ieri sera a destinazione non è mai arrivata. Alla base di questo scontro tra due auto, una Renault Laguna guidata dalla vittima e una Lancia Y dove a bordo vi erano altre 5 persone tutte di Partinico, pare ci sia un sorpasso azzardato o forse qualche distrazione. Dinamica ancora tutta da chiarire.

Lotta tra la vita e la morta l’uonmo di 50 anni che era alla guida della Lancia Y, ricoverato all’ospedale Villa Sofia di Palermo: sarà sottoposto ad intervento chirurgico ed a quanto pare gli sarà asportata la milza rimasta gravemente compromessa. Le altre quattro ferite, tutte donne di cui tre giovanissime, hanno riportato fratture in varie parti del corpo: una di loro, di 15 anni, è in gravi condizioni ed è in coma farmacologico. Le altre tre invece non versano in pericolo di vita anche se la loro prognosi, come da prassi, resta ancora riservata.

Fortissimo l’impatto tra i due veicoli, avvenuto verso le 19 di ieri, che ha reso particolarmente complesso il lavoro dei vigili del fuoco del distaccamento di Partinico che hanno dovuto tagliare le lamiere per estrarre i feriti dall’abitacolo delle autovetture