Partinico, emergenza idrica lampo

Guasto ad una delle pompe principali di adduzione dell’acqua potabile e Partinico resta senz’acqua per 24 ore. Da via Benevento, strada a monte della città ai piedi del Colle Cesarò, sino alla centralissima piazza Duomo i rubinetti delle centinaia di abitazioni e delle fontane pubbliche, quelle di via Bari e piazza Duomo, sono rimasti a secco. L’emergenza idrica però è rientrata in tempo record: già questa mattina è stata completata la riparazione della pompa e riattivata l’erogazione idrica. I lavori sono stati portati avanti dagli operai dell’Aps, la società acque potabili oramai in via di smantellamento perché in fase di liquidazione, coordinati dall’Unità di crisi. Se da una parte, però, l’allarme è praticamente alle spalle anche se le segnalazioni dei cittadini sono andate avanti per tutta la mattinata al Comune, dall’altra però si rischia da un momento all’altro di ripiombare nei problemi di emergenza idrica. Un rischio più che concreto, come comunicano dagli uffici dell’Aps, a causa di una raffica di furti subiti all’ufficio deposito utilizzato dalla stessa società acque potabili alla centrale Lago. Nell’arco di poche settimane per ben tre volti i locali sono stati presi di mira dai ladri ed è stato portato via praticamente tutto. In particolare sono state rubate tutte le attrezzature ed i pezzi di ricambio in ferro. In pratica il rischio più che concreto è che se si dovesse verificare un problema tecnico non si può materialmente intervenire perché il magazzino è stato praticamente svuotato. La società ha presentato tutte e tre le volte una denuncia alla stazione dei carabinieri di Partinico contro ignoti. Una catena di problemi infiniti che da tempo oramai attanagliano la città di Partinico ma anche tutti gli altri comuni della provincia palermitana serviti dall’Aps, le cui disastrose condizioni economiche e l’incertezza legata al futuro della stessa struttura hanno portato una serie infinita di disfunzioni. In più di un caso il Comune di Partinico è dovuto intervenire nell’ultimo periodo in sostituzione alla società per fronteggiare emergenza immediate, ultima delle quali ad esempio la rottura del collettore fognario in una zona periferica della città. Negli ultimi tempi sono state segnalate tante altre disfunzioni. Secondo quanto sostenuto dal gruppo consiliare Cambiamo Partinico sono state decine le segnalazioni che l’Aps ha inviato negli anni al Comune segnalando il decadimento della funzionalità del depuratore a causa dell’ingresso di reflui abusivi provenienti dalle reti fognarie comunali: una ventina nel solo 2013. Da tempo in consiglio comunale si è chiesto l’intervento del Comune per avocare a sé la gestione diretta delle reti idriche. Sino ad oggi queste istanze sono rimaste lettera morta.

You want it to flow down to the hips
woolrich sale Designer Inspired Handbags Accent Your Style

Secondary to the music itself
wandtattooWhat to Wear With Wedge Shoes