‘Palude’ dal GUP, quattro ore e mezza di requisitoria. Rinvio al 23 aprile

Quattro ore e mezza di requisitoria del pm all’udienza preliminare del processo ‘Palude’ scaturito dall’operazione che nel novembre del 2018 portò la Guardia di Finanza ad indagare venti persone. Tra queste 4 finirono agli arresti domiciliari, anche l’ingegnere capo del Genio Civile dell’epoca, l’alcamese Giuseppe Pirrello.

L’operazione delle Fiamme Gialle provò a fare luce su un sistema finalizzato ad assicurare indebite agevolazioni a numerosi soggetti privati ed imprenditori in relazione agli adempimenti in materia di edilizia privata e pubblica di competenza del Genio Civile e all’affidamento di lavori pubblici.

Tecnici privati ma anche di enti pubblici che adesso attendono la decisione del GUP, sull’eventuale rinvio a giudizio. Fissate per la prossima udienza, programmata per il 23 aprile, le arringhe degli avvocati difensori.