Pallamano, Alcamo vince il derby con Marsala e si avvicina alla Coppa Sicilia. Settimana senza impianto

Alcamo vince il primo di due consecutivi spareggi per centrare le final four di Coppa Sicilia ma anche per risalire la classifica dopo le due sconfitte di Scicli e Palermo. Al PalaGrimaudo è stato certamente un bel derby con Marsala e gli alcamesi lo hanno vinto riuscendo spesso a giocare con grande velocità, soprattutto nelle ripartenze. Il sette lilibetano, allenato dall’ex nazionale ed ex Alcamo, Graziano Tumbarello, ha messo Alcamo in seria difficoltà nel primo tempo grazie ai prodigiosi interventi del portriere Parrinello e alle incursioni del giovanissimo Valerio Di Giovanni, non ancora quindicenne.

Benedetto Randes, che non aveva disposizione Lipari e Saitta, ha però ritrovato Cicirello, capitan Saullo  e quel Peppino Giacalone che all’esordio stagionale contro Marsala è stato davvero un grande protagonista. Alcamo dopo un break negativo riusciva a piazzare il contro-break  di 6-0 incanalando il derby in proprio favore. Adesso la serie B giocherà l’ultima giornata di ritorno con Alcamo che giocherà lo spareggio decisivo per centrare l’ammissione al quadrangolare che assegnerà la Coppa Sicilia.

Dovrà però preparasri peregrinando in lungo e in largo.In questa settimana decisiva, infatti, l’unico allenamento certo è fissato per venerdì al PalaCardella di Erice. Domani e giovedì forse in una palestra scolastica oppure all’aperto. Il comune di Alcamo ha infatti requisito ancora una volta alle società sportive il PalaGrimaudo per destinarlo a un’altra fiera. La città non ha infatti un sito dedicato agli eventi espositivi. Pallamano Alcamo quindi senza una palestra per allenarsi, con il Pala D’angelo ancora centro Vaccinale, il PalaTenda pieno per i lavori al Pala Tre Santi e il PalaGrimaudo che diventa ancora una volta PalaFiera. Ma torniamo al derby di sabato sera con le interviste.