Pallacanestro-Libertas Alcamo, secondo test amichevole: squadra in crescita

 

libertasIl secondo test amichevole della Libertas Alcamo con la squadra under 18 di Eccellenza della Pallacanestro Trapani rivela una formazione in crescita: una buona partenza sia in attacco che in difesa e poi una gara in cui a tratti ha funzionato bene la difesa e in altri frangenti l’attacco. Ma a questo punto della preparazione è chiaro che i ragazzi di coach Ferrara non sono ancora in grado di giocare 40 minuti con la stessa intensità. Fra l’altro ieri sera, gli avversari erano veloci, giovani, più avanti nella preparazione e tecnicamente di buon livello. Inoltre il team alcamese si è presentato senza Daniele Ferrara, ancora ai box per almeno un mese, Manuel Bottiglia per un fastidio alla rotula e Marco Russo Tiesi, impegnato con il lavoro. L’avversario è certamente giovane ma la squadra trapanese punta in alto: ha messo a punto, infatti, una rosa di giocatori pescando non soltanto in diverse zone della Sicilia ma anche in Senegal, Russia e Serbia. Partenza eccellente, quella della Libertas Alcamo che a metà del primo periodo conduceva per 22 a 8. Poi la stanchezza e il ritorno dei giovani avversari ha rimesso il match in equilibrio. Il quintetto alcamese, con la spinta di Tagliareni – seppure ancora lontanissimo dalla forma migliore – e di Giusti, è poi riuscito a riguadagnare terreno. Alla fine l’ha spuntata per una decina di punti. Ma più che il risultato, da apprezzare sono soprattutto: la conferma di Ventimiglia su ottimi livelli, l’inserimento nei meccanismi e l’apporto di Ranalli e Provenzano, le triple e il temperamento di Giusti, la grande voglia di lottare di Andrè. Rispetto alla prima gara in casa del Green Basket Palermo, è andato meglio anche Genovese. “Stiamo facendo quello che possiamo fare a questo punto della preparazione – ha detto il coach Ferrara a fine partita – e il tempo c’è per completare il lavoro prima dell’inizio del campionato. In ogni amichevole mi aspetto sempre il massimo da parte di tutti. Con i sacrifici si conquista il posto in squadra”.