Ospedali. Servizi di cardiologia. Tredici cardiologi in attesa di assegnazione

Sempre alla ribalta i problemi legati alla disponibilità del personale e quindi della piena funzionalità dei reparti di cardiologia degli ospedali in provincia di Trapani. Ieri il commissario straordinario dell’Asp di Trapani, Paolo Zappalà ha convocato i 13 cardiologi vincitori di concorso che andranno a ricoprire i vuoti in organico. Presente il direttore sanitario Oddo.

Il motivo della riunione la firma dei contratti di assunzione, ma tutto è stato rinviato in attesa di ulteriori chiarimenti legati alla richiesta dei medici che desiderano la sistemazione in sedi di gradimento. Al primo posto nei desiderata gli ospedali di Trapani e Alcamo, ma il futuro della cardiologia del San Vito e Santo Spirito resta incerto. Ricordiamo che negli anni l’ospedale di via Crispi ha subito tagli con reparti trasferiti nei vicini ospedali.

Creando difficoltà ad un grande bacino di utenza che ha nell’ospedale di Alcamo il principale punto di riferimento. Tutto dunque rinviato nell’attesa di cercare di conciliare aspirazioni dei cardiologi con le piante organiche. Rinvii che si riflettono sui servizi dove il personale superstite, con spirito di abnegazione, cerca di far fronte ai ritardi della politica soprattutto delle Asp siciliane.

E ogni tanto, soprattutto in occasioni di vigilia di campagne elettorali un giro nelle Tv e sui giornali per strombazzare ai quattro venti quello che rimane un miraggio. La costruzione del fantomatico ospedale in contrada San Gaetano. Argomento che sarà tra i principali nella campagna elettorale per rinnovare ad ottobre il consiglio comunale e anche il sindaco.

Intanto le difficoltà nella cardiologia di Alcamo sono alla ribalta:  quattro i cardiologi in servizio mentre per le notti arrivano rinforzi da Trapani per garantire l’assistenza. Ora si attende l’immissione in servizio del 13 cardiologi negli ospedali della provincia di Trapani, mentre appare incerto e pieno di interrogativi il mantenimento della cardiologia ad Alcamo.