Oltre mille imprese in meno in Sicilia nel 2012

0
555

“In Sicilia nel 2012, fra le imprese artigiane che hanno aperto e quelle che hanno chiuso, si registra un saldo negativo di  1.064 unità: vi sono state, infatti, 5.131 iscrizioni alle Camere di Commercio dell’isola e 6.195 cessazioni. E’evidente che l’economia siciliana continua ad attraversare una crisi profonda, rispetto alla quale servono misure forti  ed efficaci che non possono più essere rinviate”. Lo dice Mario Filippello, segretario regionale della Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa), commentando i dati elaborati dalla Cna: in totale le imprese artigiane registrate nel 2012 in Sicilia sono 82.388, e di queste 81.205 sono attive.

 

“Serve un piano straordinario per il lavoro – prosegue Filippello – un deciso sostegno alle imprese nell’accesso al credito, un piano per il sostegno dell’occupazione, il pagamento immediato dei debiti che la pubblica amministrazione ha nei confronti delle imprese, un piano di riduzione delle tasse anche a livello locale. Su queste ed altre misure – conclude il segretari regionale Cna – ci aspettiamo risposte efficaci dal governo regionale e dal prossimo governo nazionale”.