Morta la moglie di Turi Simeti. Anche lei stroncata dal Covid-19

Avrebbe compiuto 80 anni il prossimo mese di dicembre. Ma l’altra notte è deceduta all’ospedale “Fatebenefratelli” di Milano a causa del covid 19. A quasi un mese dalla morte del pittore alcamese Turi Simeti anche la moglie Essila Burello è deceduta.

Da oltre 40 anni Essila e il marito amavano Alcamo e soprattutto Alcamo Marina dove la coppia trascorreva diversi mesi, soprattutto in estate. Si erano conosciuti a Rio de Janeiro, dove la donna esperta in arte, originaria del Piemonte, viveva da tempo. E a Rio de Janeiro per diversi anni è vissuto Turi Simeti dove gestiva una galleria di arte. Poi erano tornati a vivere a Milano. La donna un paio di giorni fa aveva telefonato ad Alcamo al cognato Tonino dicendo di sentirsi un po’ meglio.

Invece dopo 24 ore è deceduta. Nella foto, scattata lo scorso mese di agosto Turi Simeti, la moglie Essila e Silvana Giacone, presidente del Kiwanis club di Alcamo, che ha premiato il famoso artista conferendogli il premio dell’anno Kiwaniano. In fase di preparazione iniziative per ricordare Turi Simeti e ora anche la moglie, che saranno celebrate pare nei primi giorni di agosto: il cinque coincide con il 92esimo anno dalla nascita di Turi Simeti. La morte di Turi Simeti ha suscitato cordoglio negli ambienti dell’arte italiana dove era conosciuta anche la moglie, anch’essa deceduta a causa del covid 19. Turi Simeti non ha mai tagliato il cordone ombelicale con la “sua Alcamo” dove ritornava spesso nella sua villa di Alcamo Marina.