Monte Inici, Comune e Regione pronti per intesa progettuale. Resta piaga incendi

“Valorizzare e rendere più fruibile Monte Inici, difendendo il paesaggio e mettendo in sicurezza, laddove necessario e possibile, sentieri ed elementi naturali e caratterizzanti”. Lo ha fatto presente il sindaco di Castellammare del Golfo, Nicola Rizzo, nel corso di un incontro con l’assessore regionale, Toni Scilla e con il dirigente del dipartimento regionale Mario Candore. Presenti anche Leonardo D’Angelo assessore alle Manutenzioni del Comune di Castellammare del Golfo e Mario Di Filippi, presidente del consiglio comunale, l’esperto forestale Antonio Senia e altri rappresentanti di associazioni locali.

“Una progettualità già avviata che riguarda più aspetti di Monte Inici, la montagna che sovrasta Castellammare – ha spiegato il sindaco Nicolò Rizzo-. Il massiccio, sito di interesse comunitario, è ricco di elementi naturalistici e storici di rara bellezza che intendiamo valorizzare e rendere più fruibili. La regione siciliana, tramite l’assessore regionale Toni Scilla, che ringraziamo per la disponibilità ed attenzione, si è detta pronta al supporto progettuale ed in tal senso stiamo definendo modalità e tipologie di intervento per la valorizzazione che prevede la difesa e conservazione di Monte Inici”. Tanti sono i sentieri sulla montagna castellammarese e valorizzati dal Centro Alpino Italiano che spesso organizza camminate esplorative e paesaggistiche.

Resta comunque sempre aperta la questione degli incendi, non soltanto su Monte Inici ma anche in altre zone castellammaresi, quali ad esempio Fraginesi e Scopello. Il tanto agognato e pubblicizzato intervento dei droni dotati di videocamere non han purtroppo finora dato gli attesi risultati. Per questo il coordinamento ‘Salviamo i Boschi’, la cui portavoce Mariangela Galante è fra l’altro castellammarese, continua a battere i pugni sul tavolo.