Misteri Trapani. Al via le “scinnute” dei sacri gruppi. Saranno effettuate a porte chiuse.

A causa delle limitazioni imposte per il contenimento del covid-19 quest’anno il programma delle “scinnute” dei sacri gruppi che compongono l’antica processione dei “misteri” di Trapani subisce un notevole cambiamento che permetterà comunque di vivere intensamente la preparazione alla Settimana Santa che per i trapanesi è inscindibile dalla contemplazione dei gruppi statuari affidati da secoli alle maestranze cittadine.

Il rettore della Chiesa delle Anime Sante del Purgatorio, don Alberto Genovese,  dopo un’ampia concertazione con i capi-consoli, il consiglio di amministrazione dell’Unione delle Maestranze e le autorità di pubblica sicurezza,  ha stilato un programma che prevede un vero e proprio percorso quaresimale che avrà come protagonisti tutti i gruppi dei misteri che compongono un originale e intenso racconto della passione e morte di Gesù.

Dal primo venerdì di quaresima – venerdì prossimo dunque, 19 febbraio – e  fino alla vigilia della settimana santa, seppur a porte chiuse ma comunque in diretta Facebook sarà possibile vivere e partecipare alle “scinnute” di tutti i gruppi dei misteri e non solo i venerdì. Ad ogni “scinnuta” a partire dalle ore 19 il gruppo scelto verrà spostato davanti all’altare principale della Chiesa dove, dopo un momento musicale, una breve scheda storico-artistica a cura di Lina Novara  ne racconterà origine, valore artistico, cuoriosità . Quindi un commento spirituale a cura del rettore don Genovese, una breve stacco musicale, e  infine, un momento di preghiera curato e animato dai ceti. Gli spostamenti dei gruppi saranno accompagnati da marce tradizionali.

L’ingresso nella Chiesa del Purgatorio sarà contingentato e ad ogni “scinnuta” potranno partecipare fino ad un massimo di 50 persone stabilite dal ceto che cura il gruppo che effettua la “scinnuta”. Come già detto, sarà possibile seguire ogni appuntamento su Facebook dalla pagina istituzionale Unione Maestranze Trapani grazie alla disponibilità dell’ufficio Stampa dell’Unione. Gli ultimi sabato di quaresima saranno invece dedicati alle Madonne con la recita del rosario meditato.