Misiliscemi, entro l’estate il 25° comune della provincia di Trapani. Manca soltanto il voto dell’ARS

Prima il referendum del maggio 2018 ed ora, dopo tutti gli adempimenti previsti dalle leggi, la delibera di istituzione del nuovo ente locale. Entro l’estate la provincia di Trapani avrà il suo 25esimo comune, il 391esimo in Sicilia. Otto frazioni di Trapani daranno vita a Misiliscemi popolato, nella sua prima fase di vita, da 8.669 abitanti di Fontanasalsa, Guarrato, Rilievo, Locogrande, Marausa, Palma, Pietretagliate e Salinagrande. Trapani perde quindi il 12,5 per cento della sua popolazione. Adesso manca soltanto l’ok dell’Assemblea regionale siciliana, che dovrebbe arrivare prima della prossima estate quando la popolazione del nuovo comune, come ogni stagione estiva, raggiungerà quota 25.000.

Nella fase iniziale il nuovo comune di Misiliscemi sarà retto da un commissario straordinario che rimarrà in carica fino all’elezione di sindaco e consiglio comunale. La sede legale provvisoria del nuovo ente locale, in attesa dell’approvazione dello statuto comunale, sarà nel municipio di Trapani. Il personale del comune capoluogo, residente nelle frazioni scorporate, passerà alle dipendenze del nuovo ente  A Misiliscemi sono circa 3.000 le abitazioni a residenza principale, quelle stagionali altre 3.300 mentre nel territorio ricadono strutture importanti, al momento sotto il controllo di Trapani.

Alle battute finali quindi la “battaglia” che l’associazione promotrice di Misiliscemi cominciò dieci anni fa. Un impegno che si muove su due direttrici. La prima di natura culturale mira a far conoscere le bellezze naturalistiche e architettoniche della ma anche canti popolari, poesie dialettali e aneddoti. La seconda punta invece a un’azione politica per dotare le otto frazioni di opere di urbanizzazione ancora mancanti e di infrastrutture di primaria importanza: poliambulatori, palestre, centri sociali e quant’altro.