Microcriminalità tra C/vetrano e Gibellina: raffica di arresti

SONY DSC

Raffica di arresti nei giorni scorsi, tra Castelvetrano e Gibellina, da parte dei carabinieri della Compagnia di Castelvetrano. A Gibellina i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un 31enne di origine marocchina N.B., con precedenti, sorpreso mentre tentava di asportare varie suppellettili dall’interno di una abitazione in via Di Giovanni, dove si era introdotto forzando la porta di ingresso. Bloccato e accompagnato in caserma, il giovane è stato dichiarato in arresto per tentato furto in abitazione. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria saccense, per lui si sono aperte le porte del carcere di Sciacca. A Castelvetrano i militari del N.o.r.m. nei giorni scorsi hanno arrestato per furto aggravato M.A., pregiudicato castelvetranese di 24 anni. Il giovane è stato sorpreso nei pressi della sua abitazione in sella ad uno scooter rubato poco prima. Finito in manette, è stato trattenuto una notte nelle camere di sicurezza della locale caserma in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto, che si è già tenuta innanzi al GIP del Tribunale di Marsala, che ha convalidato l’arresto e disposto nei suoi confronti la custodia cautelare in carcere. Arrestati, sempre a Castelvetrano, anche una donna, M.D.A. di 47 anni, ed un ragazzo di 27 anni, L.M.G., dai carabinieri della locale Stazione in esecuzione di due distinti provvedimenti emessi dalla Procura di Marsala: i due, entrambi pregiudicati, devono espiare rispettivamente la pena di 20 giorni e 4 mesi di reclusione per i reati di lesioni personali aggravate. Dopo le formalità di rito, la donna è stata posta ai domiciliari, mentre il giovane è stato ristretto nel carcere di Trapani.