Castellammare del Golfo-Maxi rivoluzione negli uffici del Comune tra assunzioni e stabilizzazioni

0
703

Arriva la stabilizzazione per la maggior parte dei precari in servizio al Comune di Castellammare del Golfo e dietro l’angolo anche la rimodulazione di tutti i vertici apicali dei vari Settori che compongono la macchina burocratica. Novità importanti in arrivo per il municipio che è sulla via di un riassetto dopo l’insediamento dell’attuale amministrazione comunale guidata dal sindaco Nicola Rizzo. Per l’esattezza in 99 troveranno il contratto a tempo indeterminato e si tratta di tutti gli ex contrattisti in servizio. Nel particolare parliamo di 98 lavoratori a tempo determinato con contratto di lavoro subordinato e part-time, ed un lavoratore con rapporto di co.co.co. La spesa annuale prevista per le retribuzioni, oneri compresi, è di un milione e 800 mila euro all’incirca. A rimanere fuori dai giochi soltanto gli Asu che in tutto sono una settantina. “Quasi un centinaio di lavoratori ad oggi precari avranno certezza -affermano il sindaco Nicola Rizzo e l’assessore Giuseppe Cruciata – e contemporaneamente continueranno ad essere una risorsa ormai indispensabile per gli uffici comunali. Dopo la stabilizzazione avvieremo la formazione del personale”. Nel contempo il governo cittadino annuncia l’avvio della rimodulazione del personale: “La nostra – aggiungono Rizzo e Cruciata – è una precisa volontà politica che si concretizza con la scelta di ruotare ed integrare il personale presente negli uffici, molti dei quali trovati non in grado di svolgere l’ordinario, e la mobilità per alcuni ruoli indispensabili, così da rendere funzionale la macchina amministrativa”. Attraverso la mobilità si vuole tentare di coprire ruoli e posti vacanti negli uffici che rallentano l’attività amministrativa. In questo modo si concretizza la maxi operazione all’interno degli uffici che mira ad individuare professionalità che rappresentano figure necessarie ed intercambiabili per l’ente così da garantire efficienza e presenza nei servizi. Manovra che si è resa possibile attraverso il Piano di fabbisogno del personale, che ha comportato da parte dell’amministrazione una completa ricognizione di tutta la pianta organica composta ad oggi da una dotazione che prevede 131 posti totali, di cui 69 a tempo pieno e 62 part-time: “Occorre agire per rendere efficienti gli uffici potenziandoli – evidenziano ancora il sindaco e l’assessore Cruciata -. Per garantire maggiore efficienza nei servizi alla cittadinanza, interveniamo con la rotazione, mobilità e stabilizzazione dei precari, aspetto sul quale ci stiamo confrontando con le organizzazioni sindacali che hanno un ruolo trainante nella concertazione avviata. Già dal prossimo anno dovremmo raccogliere i primi frutti rilanciando una macchina burocratica inceppata”. Soprattutto c’è grande attesa per superare il cronico problema della carenza di personale all’ufficio tecnico, da sempre tallone d’Achille per il municipio. “Abbiamo anche previsto – fanno sapere Rizzo e Cruciata – l’assunzione a tempo determinato di tre istruttori direttivi socio-culturali, nell’ambito del Pon povertà, finanziato dall’Unione Europea per il tramite del ministero del Lavoro, e una procedura di mobilità di dipendente tecnico a tempo determinato. Una svolta concreta che ci consente di avviare una nuova definizione di uffici e servizi, avviando un graduale processo di modifica”.