Marsala: gessatura errata, anziana risarcita

Si frattura il braccio e i medici gli ingessano anche la mano. Ed alla fine perde la piena motilità di entrambi. Oltre al danno l’incredibile beffa. E’ successo ad un’anziana donna di Marsala che a distanza di 11 anni da questo episodio di malasanità si è vista risarcire per il danno subito. Vittima di questo incredibile caso la 75enne Rosa Maiale e cui oggi la giustizia ha accordato un risarcimento danni di 129.777 euro. Cifra stabilita dal Tribunale civile di Marsala e confermata dalla Corte d’appello. Condannati a pagare due medici ortopedici dell’ospedale San Biagio, Angelo Marchese e Giuseppe Marino. Anche se in realtà a sborsare il denaro saranno le compagnie assicurative cui i medici si erano affidati contro “infortuni” del genere. I fatti risalgono alla fine di agosto 2003, quando l’anziana, difesa dall’avvocato Giuseppe Monteleone, subì una frattura all’ulna destra. E secondo l’accusa il gesso fu applicato in maniera errata. In pratica, furono bloccati sia il braccio che l’intera mano, con la conseguenza di rimanere definitivamente anchilosati. In poche parole dal gomito in giù l’anziana ha perso forza e sensibilità. Ad applicare il gesso “fino ad un livello tale da bloccare le articolazioni metacarpofalangee e le prime falangi” fu Marchese. Il medico è stato accusato anche di “condotta omissiva”, non avendo eseguito i “dovuti e necessari controlli e accertamenti” alcuni giorni dopo l’applicazione dell’apparecchio gessato. Controlli, in verità, effettuati due volte (2-3 giorni dopo e 8 giorni dopo), ma senza rimediare all’errore. Quando ancora si era in tempo ad evitare il peggio. Il gesso, infatti, poteva essere tolto e rifatto. A Marino, invece, si rimprovera di avere applicato, l’1 ottobre 2003, una nuova gessatura, dopo la rimozione della prima, omettendo di prescrivere dei cicli di kinesiterapia che, secondo l’accusa, avrebbero “ridotto notevolmente la rigidità delle dita e della mano destra ormai divenuta irreversibile”. Oltre al risarcimento danni (129.777 euro, due terzi in capo a Marchese, un terzo a Marino), i giudici hanno condannato medici e Asp anche al pagamento delle spese processuali, quantificate in 9.800 euro.

so they sound
woolrich outlet Initial Symptoms of Arthritis in Hands

consider your ultimate be sure you dress
woolrich outletCan you be serious about water polo with bad eyesight