BMTA, omaggio all’archeologo Sebastiano Tusa

0
126

La XXII Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico (BMTA), in corso in Campania, ha reso omaggio all’archeologo Sebastiano Tusa e assessore ai Beni culturali, figura di rilievo nel panorama mondiale dell’archeologia, scomparso all’età di 66 anni a causa di un incidente aereo in Etiopia. Sebastiano Tusa, conosciuto molto bene anche nel trapanese quando nel 2001 divenne docente di Archeologia marittima nel corso di laurea in Archeologia navale, con sede a Trapani, dell’Università di Bologna fino ad arrivare poi al 2010 quando guidò la soprintendenza della città di Trapani. La Borsa mediterranea del turismo archeologico ha voluto rendergli omaggio consegnando il Premio “Mario Napoli” che è stato ritirato dalla moglie, attualmente alla guida della Sovrintendenza del Mare della Regione Sicilia che ha annunciato la nascita futura di una fondazione in onore del marito. Particolarmente toccante il momento della consegna. Tutto il pubblico in piedi ha applaudito a lungo alla memoria di Sebastiano Tusa. Un momento davvero forte. Presenti personalità di rilievo dell’archeologia italiana ed anche dell’archeologia subacquea. Per l’occasione è stata riproposta una sintesi dello storico documentario che Tusa girò con Folco Quilici a Pantelleria.
Presenti ieri anche il Direttore della BorsaMeditteranea del Turismo Archeologico, Ugo Picarielli che ha ricordato in modo intenso Sebastiano Tus e Alfonso Andria, Presidente Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali.