Incidente Ss.113 Partinico-Alcamo, muore agricoltore balestratese

Inizio di settimana bagnato dal sangue a Partinico: questa mattina, intorno alle 6, un incidente mortale si è verificato sulla strada statale 113 Partinico-Alcamo, poco dopo lo svincolo per la provinciale che porta a Balestrate. Il bilancio è di un morto ed un ferito. A perdere la vita un agricoltore sessantenne che si trovava alla guida del trattore. Si tratta di Pietro Mancuso, residente a Balestrate. Resta ancora da chiarire la dinamica: non è chiaro se ci sia stato uno scontro frontale tra il trattore e un’Audi A3 oppure un tamponamento. Sta di fatto che entrambi i mezzi sono totalmente distrutti. Sul posto i carabinieri che hanno avviato le indagini per cercare di ricostruire l’esatta dinamica. Di certo nell’impatto il conducente del mezzo agricolo è stato sbalzato con violenza sull’asfalto. Per lui non c’è stato nulla da fare ed è morto sul colpo. Fatale la caduta: ha battuto la testa e non ha avuto scampo. Il trattore invece ha finito la sua corsa fuori strada, sfondando una rete di recinzione e ribaltandosi in un terreno privato. Quasi per caso si è riusciti a identificare la vittima che addosso non aveva documenti. Infatti a transitare nei pressi poco dopo l’incidente il genero dell’anziano che ha riconosciuto il trattore. Sceso dall’auto è corso verso i carabinieri a cui ha riferito la sua preoccupazione. I militari hanno alzato il telo all’altezza del volto e lo hanno fatto vedere al giovane che è rimasto impietrito ed ha riconosciuto il congiunto. Il conducente dell’automobile invece ha riportato delle ferite ed è stato trasportato all’ospedale Civico di Partinico ma non è in pericolo di vita. Sul posto due ambulanza del 118 e in tarda mattinata anche il medico legale che ha certificato il decesso di Pietro Mancuso. Su questa strada si è consumato l’ennesimo incidente mortale. Il tratto più pericoloso è proprio quello che collega Partinico con Alcamo ma anche nelle altre diramazioni la situazione resta quella di una viabilità ad altissimo rischio. Soltanto nelle ultime settimane si sono verificati in questa arteria altri due incidente gravissimi: uno mortale, ed ha riguardato un anziano che è stato travolto da un’auto mentre stava attraversando la strada da un capo all’altro; e poi un giovane su uno scooter ha impattato con un veicolo ed è entrato in coma, dal quale si è risvegliato pochi giorni fa. Episodi che hanno riportato alla ribalta il problema della scarsa sicurezza dell’arteria, in molti tratti buia, in altri invece con pericolosissimi rettilinei e curve. Il comando di polizia municipale e l’amministrazione comunale hanno ottenuto un incontro all’Anas, che gestisce la statale, proprio per mettere in evidenza questa assoluta assenza di sicurezza lungo l’arteria, teatro negli anni di molti incidenti mortali e per questo ribattezzata come la “strada della morte”.