Grande barca a vela al Comune di Castellammare, era stata sequestrata ai trafficanti di migranti

Una barca a vela, denominata “Ad Astra”, sequestrata a scafisti , verrà utilizzata dal Comune di Castellammare del Golfo per attività istituzionali. Per tale occasione, è stato firmato un protocollo di intesa tra il Comune castellammarese e la sezione locale della Lega Navale Italiana.  L’imbarcazione era stata intercettata dalla guardia di Finanza,  sulle coste orientali della Sicilia con a bordo 50 migranti. L’amministrazione comunale, ne ha chiesto l’utilizzo: il nome della Città di Castellammare del Golfo e lo stemma istituzionale sono stati inscritti sulle vele e fiancate dell’imbarcazione, prima utilizzata per la terribile tratta di esseri umani.  In base al protocollo siglato, la Lega navale con i soci volontari assicurerà il governo dell’imbarcazione per le iniziative che predisporrà l’amministrazione comunale. La convenzione ha durata illimitata.