Grande affetto, riti e visite costanti, in sicurezza, ai ’Gruppi’ dei Misteri

Per il secondo anno consecutivo non si terrà la plurisecolare processione dei ‘Misteri’ ma i trapanesi stanno ugualmente dimostrando una grande partecipazione, negli orari indicati di visita, presso la chiesa delle Anime Sante del Purgatorio, dove si trovano i gruppi scultorei, e nel pieno rispetto delle norme a contenimento del coronavirus. Nel pieno della settimana santa, non si fermano quindi le testimonianze di vicinanza e spiritualità della cittadinanza trapanese attorno alla sacralità dei gruppi dei Misteri.

In occasione dei giorni emotivamente più coinvolgenti in città, sta incontrando il plauso dei trapanesi l’iniziativa delle Maestranze che, d’accordo con la diocesi di Trapani, hanno voluto fare di tutto, date le circostanze create dalla pandemia, per non lasciare orfani i trapanesi della bellezza dei gruppi sacri che in questi giorni sono meta di visite. A cura dei ceti, i gruppi sono stati addobbati nel segno della sobrietà mentre, in diffusione sonora nelle strade del centro storico (Piazza Purgatorio, Corso Vittorio Emanuele, via San Francesco d’Assisi), è possibile ascoltare le tradizionali marce funebri della tradizione della settimana santa trapanese.

Fatta eccezione per i riti religiosi (rigorosamente a porte chiuse e riservati ad un massimo di 50 persone), la chiesa che ospita i meravigliosi e storici ‘gruppi scultorei’ è aperta ai fedeli dalle 9.30 fino alle 21.30; assicurate la sanificazione dei locali e la misurazione della temperatura corporea attraverso la disponibilità di macchinari offerti da “La strada della Passione”. Proseguono anche le dirette social sulla pagina facebook Unione Maestranze Trapani e sul profilo youtube della diocesi di Trapani.