“Giornata del paesaggio”, trekking nel bosco fatato a Castellammare del Golfo

La tutela del paesaggio è uno dei principi fondamentali della Costituzione e rappresenta un valore determinante nello sviluppo sostenibile della società. Per questo il ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha istituito nel 2017, la Giornata nazionale del paesaggio che si celebra il 14 marzo. Lo scopo è quello di promuovere la cultura del paesaggio, sensibilizzando cittadini e istituzioni sui temi ad esso legati. Centinaia gli eventi in tutta Italia nella giornata domenicale di ieri.

A Castellammare del Golfo la Sottosezione CAI, d’intesa con il GEI e il G.T.A. e con la collaborazione logistica del circolo castellammarese di ”amici della terra” ha organizzato un  TREKKING NEL BOSCO FATATO. Nel massimo rispetto delle norme antiCovid, in sicurezza e distanziati, è stato percorso uno dei sentieri più incantevoli di Monte Inici tra i più antichi lecceti di Sicilia e fino a giungere alla “Niviera grande”. Un percorso ad anello di 10 chilometri circa su sentieri e stradelle forestali con un dislivello di 400 metri.

Due gli itinerari e ciascuno percorso con gruppi di 10 partecipanti armati con scarponcini da trekking, calzettoni, abbigliamento idoneo, zainetto, borraccia con acqua e pranzo a sacco. In Italia, per rispondere alle esigenze di tutela e di gestione sostenibile, nel 2004 è stato istituito l’Osservatorio Nazionale per la Qualità del Paesaggio, ovvero un luogo di confronto sulle tematiche paesaggistiche tra il ministero, il mondo accademico e quello delle associazioni ambientaliste.

Negli anni l’osservatorio ha lavorato su numerose tematiche: dalle minacce al paesaggio con i temi legati al consumo di suolo, ai grandi impianti eolici, al dialogo con enti, amministrazioni e strutture private per definire le buone pratiche legate ad un turismo in equilibrio col territorio, capace di valorizzarlo e proteggerlo allo stesso tempo.