Gadir, lavori al costone di Pantelleria. Sindaco: “Allarmismo e nessun danno alle vasche”

Un video pubblicato alcuni giorni fa su facebook, ha spinto la Soprintendenza di Trapani a disporre la sospensione immediata dei lavori sul costone roccioso di Gadir, rinomata zona di Pantelleria. Era stata la stessa Soprintendenza ad autorizzare il progetto dei lavori di messa in sicurezza del costone roccioso, appaltati poi dal commissario straordinario per il dissesto idrogeologico. Il progetto prevede la rimozione dei blocchi di roccia pericolanti, previa disgregazione degli stessi. Le foto e i video pubblicati sui social e ripresi da alcune testate, hanno però spinto la soprintendenza a sospendere il cantiere perché le opere sarebbero state effettuate in difformità al progetto. Sulla vicenda anche l’assessore regionale Alberto Samonà aveva pubblicato un post sul suo profilo facebook per poi rettificarlo.

Il sindaco di Pantelleria, Vincenzo Campo, è stato quindi chiamato in causa per spiegare le cose. Innanzitutto l’intervento non riguarda un appalto del comune che ha fornito soltanto un suo dirigente come RUP.  “E’ bastato che qualcuno, senza essere informato dei fatti e delle lavorazioni in corso, pubblicasse un video e che questo fosse diffuso da altri soggetti, – ha scritto in una nota il primo cittadino pantesco – perché un organo superiore, non presente sull’Isola, “decidesse” che quanto affermato dagli “organi di stampa” fosse vero. Come se non bastasse, queste voci incontrollate sono state sufficienti ad emettere ordinanza di sospensione dei lavori, vanificando quanto fatto finora. Abbiamo effettuato un sopralluogo – ha aggiunto il sindaco Campo –  per avere contezza circa la prosecuzione dei lavori. Una delle prime verifiche è stata quella di appurare che nelle vasche, coperte prima degli interventi di riduzione volumetrica dei blocchi instabili, continuasse a sgorgare acqua calda, a differenza di quanto sostenuto da quanti ritenevano che la termalità delle vasche di Gadir fosse stata compromessa.

Ebbene, non si è registrato alcun cambiamento o danneggiamento. Questa vicenda ha dell’assurdo e del paradossale. Si cerca di intervenire per garantire maggiore sicurezza ai fruitori di un sito turistico in tempo per l’inizio della stagione – ha concluso il primo cittadino di Pantelleria – e gente senza scrupoli si introduce nel cantiere, ignorando divieti e sicurezza, per fare affermazioni false e diffondere allarmismi senza alcun fondamento. Sono certo che i lavori riprenderanno al più prest.