Furti di stagione, in manette ladri di olive ad Erice

0
279

Di Laura LombardoIn un recente libro di botanica, The Botany of Desire, il furto viene definito “the going price of achievement” (il prezzo della conquista) – con Prometeo che ruba il fuoco dall’Olimpo per donarlo agli uomini, o il furto di tulipani da un guardino privato che ha fatto esplodere la tulipmania fino ad oggi in Olanda. Esclusi pochi casi esemplari, il furto rimane pur sempre un reato. E così ieri pomeriggio, i Carabinieri della   Stazione   di   Erice   hanno   tratto   in arresto in flagranza, 4 giovanissimi tra i 20 e i 25 anni, mentre cercavano di rubare delle olive da un terreno privato sito ad Erice vetta. In manette sono finiti tutti e tre Sebastiano Damiano, Alberto Damiano, Michele Cammareri ed Emanuele Burgarella. La comitiva di ladri è stata sorpresa per caso, durante   uno dei normali   servizi   di   perlustrazione dei militari dell’arma, lungo la SP1 direzione Erice nei pressi di C.da Difali. Complice probabilmente la carenza di manodopera di giovani nelle campagne, è stata proprio la presenza di 4 ventenni in un fondo agricolo coltivato ad uliveto a destare i sospetti dei militari, che hanno perciò deciso di approfondire i controlli. Accertato l’illecito in flagranza, con 3 sacchi da 40 kg di olive ognuno raccolte ed altri 26 sacchi vuoti e pronti per essere riempiti, i soggetti sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, e i 120 kg. di olive restituite alla proprietaria.