Festa della Mamma, l’AIRC non si ferma. Le azalee della ricerca in vendita solo su Amazon

Domenica 10 maggio 2020. Come capita tutti gli anni in occasione della seconda domenica del mese, in Italia e in tantissimi altri sati del mondo, si celebra la festa della mamma. Un appuntamento da decenni legato anche alla solidarietà, alla raccolta fondi per l’AIRC, l’associazione italiana per la ricerca sul cancro e a una pianta, le azalee, vendute per l’occasione in tutte le piazze. Il coronavirus, però, ha cambiato anche questa tradizione. Quest’anno non ci sarà infatti alcun elenco dei luoghi dove trovare i gazebo e questo “regalo” che si prende cura della ricerca.

Per la festa della mamma 2020 l’azalea della ricerca sbarca su Amazon: si potrà comprare soltanto online. Per la prima volta in 36 anni di storia la pianta simbolo della ricerca sui tumori che colpiscono le donne non sarà distribuita in piazza dai volontari della Fondazione. Sarà invece consegnata a domicilio, con un semplice click. “Una scelta doverosa per tutelare la salute di volontari e dei nostri sostenitori dai rischi dell’emergenza Covid-19”, spiega la Fondazione Airc che quest’anno ha coinvolto il colosso dell’e-commerce come partner dell’iniziativa benefica.

Su Amazon è ancora possibile prenotare una delle azalee della ricerca, 100% italiane e firmate da Airc, con una donazione di 15 euro. Verrà poi consegnata a domicilio all’indirizzo specificato durante l’ordine, in una confezione che preserva l’integrità della pianta. Non è possibile indicare il colore dei fiori preferiti, saranno infatti scelti in modo casuale tra quelli disponibili (bianchi, rosa, rossi o screziati). Un regalo, quello delle splendide azalee, non solo per la festa della mamma ma per uno scopo sociale: tutte le piante vendite si trasformano infatti in un regalo per la ricerca, in un rafforzamento della battaglia contro i tumori che colpiscono le donne.

Tante le richiesta arrivate su Amazon e la consegna ovviamente non è garantita entro domenica, giorno della festa della mamma, ma l’Airc invita comunque ad acquistare l’azalea perché i proventi vanno infatti alla lotta contro quei tipi di cancro che che colpiscono le donne, al seno, al colon retto e  all’utero. In trentasei anni, grazie all’azalea della ricerca, l’associazione ha raccolto oltre 270 milioni di euro. I fondi hanno contribuito allo sviluppo di diagnosi sempre più precoci e terapie personalizzate, più efficaci e meglio tollerate. Un impegno eccezionale che non può permettersi nel 2020 battute d’arresto, per contrastare tutti i tipi di cancro che, solamente lo scorso anno, in Italia hanno colpito circa 175 mila donne.