Elezioni, si vota solo domenica. Camera e Senato, tutto scritto nelle schede

Domenica prossima 25 settembre i cittadini italiani sono chiamati alle urne per l’elezione dei componenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Un numero ridotto rispetto al recente passato grazie alla legge che ha sfoltito i due ramo del parlamento.  I siciliani voteranno anche per il rinnovo del presidente della Regione e dei parlamentari dell’ARS, anche in questo caso con una cura dimagrante sul numero complessivo.  seggi saranno aperti per le operazioni di voto dalle ore 7 alle ore 23. I seggi si insedieranno alle di domani. Se la tessera elettorale risulta smarrita o se gli spazi disponibili per l’apposizione del timbro di voto sono esauriti è possibile richiedere una nuova tessera elettorale tramite una delle modalità previste.

I siciliani riceveranno tre schede da votare: una di colore giallo per il Senato, rosa per la camera e verde per le regionali. Per i due rami del parlamento si voterà in una maniera, per ARS e presidente della Regione in un’altra. L’elettore per le politiche può votare tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale oppure tracciando un segno sul rettangolo contenente il nome e il cognome del candidato uninominale e un altro segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Si può votare anche  tracciando un segno sul contrassegno e un altro segno sulla lista di candidati nel collegio plurinominale oppure con un solo segno sul nome del candidato uninominale. Non è quindi previsto il voto disgiunto.

Sia per il Senato che per la Camera l’elettore troverà tutti candidati già stampati sulle rispettive schede. Il posizionamento nelle liste plurinominali e il nome dell’uninominale sono stati stabiliti dai partiti. Insomma in Italia, in materia di elezioni politiche, si continua a limitare la libertà di scelta dell’elettore che non potrà infatti scrivere alcuna preferenza. Discorso diverso per la scheda verde, quella dedicata alle regionali.

Qui l’elettore potrà tracciare un segno sul candidato presidente scelto e poi un altro sul partito preferito per l’elezione al’ARS, anche se facente parte di una coalizione avversa. Poi potrà anche scegliere uno dei cinque candidati della lista scrivendone il cognome. Lo scrutinio delle schede relative alle Elezioni Regionali sarà effettuato lunedì con inizio alle ore 14.00. prima si effettuerà quello per le ‘politiche’, Per la prima volta nella storia della repubblica anche i diciottenni potranno votare per il Senato.