Elezioni comunali ad Alcamo verso l’accordo tra il M5S e Abc

Che il sindaco uscente Domenico Surdi si ricandidasse appariva scontato. Ma ieri sera l’ha detto chiaramente e quindi ufficializzato nella partecipata assemblea tra grillini e rappresentati di Abc. Un incontro definito “costruttivo” durante il quale lo e primo cittadino uscente nel tracciare un bilancio della sua attività amministrativa  molto serenamente ha fatto qualche autocritica e di volere puntare “su una squadra di qualità”.

Il dialogo con Abc è avviato, dove alcuni loro esponenti guardano anche verso il Pd. Durante l’assemblea si sono toccati vari punti come quello della mancata predisposizione del Piano regolatore, così come altri piani quali quelli del traffico e delle insegne. Dialogo comunque avviato tra M5S e Abc. L’uscente Surdi dovrebbe presentare due proprie liste e potrà contare sull’appoggio dei parlamentari Ignazio Corrao e Antonio Lombardo.

Ogni lista è composta da 24 candidati è almeno un terzo va riservato alle donne. Sette invece i componenti della giunta. Domani sera invece riunione del centrodestra allargata ai vari movimenti.  Si inizierà a parlare di candidati a sindaco. Il centrodestra cercherà di convincere l’avvocato Tiziana Pugliesi. Fatto anche il nome di un medico di base, ma non sarebbe gradito a vari esponenti del centrodestra. Alla riunione di domani sera invitato anche l’Udc di Mimmo Turano, che fino ad oggi ha disertato tutti gli incontri.

L’assessore regionale, assieme all’ex sindaco Giacomo Scala e all’ex assessore comunale Gaspare Noto, puntano a candidare a sindaco Nicola Bambina, segretario comunale del Pd il quale tiene a sottolineare “che non c’è alcuna intesa con i 5 stelle locali”. Scala, uno dei due coordinatori provinciali di Italia Viva, è anche il leader di CentrAli  per la Sicilia nella cui lista dovrebbe figurare l’ex assessore Massimo Melodia, al quale lo lega un’antica amicizia. Intanto Via, il movimento, ispirato dall’ex senatore Nino Papania, ha completato tre liste.

Verranno capeggiate dal consigliere comunale uscente Giovanni Calandrino, dal consulente del lavoro Mario Lucchese e da Angelo Rocca, coordinatore di tale movimento. Tra i candidati con Via anche Antonella Di Gaetano. Con CentrAli si candiderà per il consiglio Giuseppe Stabile, ex dirigente al Comune, mentre una lista civica del centrodestra sarà capeggiata da Ignazio Caldarella, già assessore e consigliere che da sempre si è battuto in particolare per l’approvvigionamento idrico e per l’abusivismo edilizio.

Due liste presenterà l’ex deputato dei Verdi Massimo Fundarò, che ha in Leonardo Di Franco il probabile candidato a sindaco. Con Fundarò il deputato regionale ex grillina, Valentina Palmeri. Si profilano almeno quattro candidati a sindaco.