Eccellenza, ripartenza 11 aprile. Nessuna retrocessione e niente ritorno

Ancora non c’è l’ok da parte del CONI per la ripresa completa degli allenamenti, per adesso si possono effettuare soltanto sedute con esercizi e preparazione atletica individuali, ma il campionato di Eccellenza in Sicilia riprenderà, o per meglio dire dovrebbe riprendere, domenica 11 aprile, la settimana successiva alla Pasqua. Il mercoledì precedente dovrebbero invece disputarsi i recuperi di quelle gare rinviate durante le prime sei giornate di campionato.

Queste le date oramai stabilite al 99% dalla Lega Sicula del calcio. Anche sul format pare ci sia un accordo di massima anche con la maggiorparte delle 32 società che compongono i due gironi. Si giocheranno soltanto le gare che mancano a completare il girone di andata, in tutto 9 giornate. Poi, fra le prime otto della classifica, si comporranno due raggruppamenti di quattro squadre, Le vincenti di ogni quadrangolare disputeranno la finalissima per ottenere la promozione in serie D.

Chi vince accederà al campionato nazionale, chi perde andrà nella graduatoria dei ripescaggi. Aboliti, per questa particolare stagione, gli spareggi nazionali. Nessuno retrocederà in promozione e il prossimo anno, anche chi volesse rinunciare a ripartire l’11 aprile, tutti potranno prendere parte nuovamente all’Eccellenza. La decisione di non far retrocedere nessuno dovrebbe però invogliare tutte le società a partecipare, qualcuna potrebbe farlo anche con la squadra juniores.

Intanto le squadre più ambiziose hanno già ripreso ad allenarsi in attesa del via libera, la prossima settimana, agli allenamenti di gruppo e quindi con contatto fisico. Tutto fermo, invece, nel Castellammare dove fra l’altro bisognerebbe anche reperire un nuovo allenatore dopo il divorzio consensuale con il tecnico Riccardo Chico. Probabilmente l’undici del Golfo potrebbe essere uno di quelli a ripartire con la juniores o comunque con estrema riduzione di costi ed organico. Chi invece in provincia punta più in alto è il Mazara che, in questa strana e singolare stagione, potrebbe essere l’outsider e riuscire a sgambettare le agrigentine Canicattì, Akragas, Pro Favara nonché Nissa e Sancataldese.