Dionisiache 2019, tavola rotonda sul progetto scientifico “Il tiranno e il suo pubblico”

0
319

Avviato all’inizio dello scorso mese di marzo, si è concluso ieri al teatro antico che sorge su Monte Barbaro, con la tavola rotonda “Il tiranno della scena”, il “Progetto Segesta” promosso dal Centro Nazionale di Studi e Ricerche sul Teatro Antico, dal Dipartimento delle Scienze Umanistiche della Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio Culturale dell’Università di Palermo in collaborazione con il Parco Archeologico di Segesta e con il patrocino del comune di Calatafimi.

Al centro delle iniziative un ciclo di seminari di studi sul tema “Il Tiranno e il suo pubblico – tra Antropologia e Drammaturgia”. Gli incontri si sono svolti al Campus di Viale delle Scienze a Palermo e nella Biblioteca Comunale di Calatafimi Segesta. Hanno avuto come oggetto di riflessione critica, le molteplici formulazioni della figura ideologica del Tiranno, dall’antichità greca e latina fino alla modernità e alla contemporaneità, nel teatro, nella letteratura, nel diritto, nella filosofia, nel cinema e nel melodramma.

Al progetto hanno preso parte 50 studenti del DAMS, di lettere, di storia e filosofia. Alla tavola rotonda di ieri sera, dopo i saluti del sindaco di Calatafimi, Antonino Accardo, sono intervenuti Rossella Giglio (Direttore del Parco archeologico di Segesta), e i docenti dell’ateneo di Palermo Giusto Picone, Giuseppe Pucci, Giuseppe Verde, Rosa Rita Marchese e Giuseppe Di Chiara. Il momento finale del progetto è stato inserito nel programma del Calatafimi Segesta Festiva Dionisiache 2019 apertosi venerdì scorso con un concerto dedicato alla memoria del giudice Paolo Borsellino, proprio nel giorno del suo eccidio.