Decreto ZFU: agevolazioni anche a Trapani, Erice e C/vetrano

0
447

Esenzioni fiscali e contributive a sostegno delle micro e piccole imprese localizzate nelle Zone Franche Urbane (ZFU) della Regione Siciliana. Le risorse disponibili sono pari a circa 182 milioni di euro. Una boccata di ossigeno per gli imprenditori siciliani, alle prese con una crisi sempre più schiacciante. Le istanze di accesso alle agevolazioni potranno essere presentate dalle ore 12:00 del 5 marzo 2014 e fino alle ore 12:00 del 23 maggio 2014, esclusivamente tramite una procedura telematica accessibile sul sito http://www.sviluppoeconomico.gov.it/: occorre procedere alla registrazione e seguire la procedura guidata di compilazione dell’istanza. Le agevolazioni saranno concesse secondo i criteri, i limiti e le modalità previsti dal decreto interministeriale del 10 aprile 2013 e nella misura massima, in ogni caso, di 200.000 euro per ciascun beneficiario. Non è stato comunque adottato un sistema a sportello e quindi l’ordine temporale di presentazione delle istanze non determina alcun vantaggio né penalizzazione nell’iter di trattamento delle stesse. Ai fini dell’attribuzione delle agevolazioni, le istanze presentate nel primo giorno utile saranno dunque trattate alla stessa stregua di quelle presentate fino all’ultimo giorno.

“Esprimo grande soddisfazione per l’adozione del provvedimento che assume un valore importantissimo per le micro e piccole imprese in un momento in cui la elevata pressione fiscale e la crisi di liquidità costituiscono una seria emergenza” ha commentato l’assessore regionale alle Attività produttive Linda Vancheri. L’intervento, riguarda, in particolare le imprese di micro e piccola dimensione localizzate nelle Zone franche urbane di Aci Catena, Acireale, Bagheria, Barcellona Pozzo di Gotto, Castelvetrano, Catania, Enna, Erice, Gela, Giarre, Lampedusa e Linosa, Messina, Palermo (Porto), Palermo (Brancaccio), Sciacca, Termini Imerese, Trapani e Vittoria. “Il decreto del ministero dello Sviluppo economico, con il quale è stato adottato il bando per attuare interventi a favore delle micro e piccole imprese nelle Zone franche urbane siciliane- ha dichiarato la senatrice Simona Vicari, sottosegretario allo Sviluppo economico -, premia l’impegno e l’attenzione di una classe politica che lavora per il rilancio dell’economia della Sicilia. Si tratta di un provvedimento strategico che darà un contributo decisivo per sostenere lo sviluppo del nostro tessuto industriale. E’ una sfida che, quindi, giunge al suo compimento, ingaggiata nel 2012, e che offrirà al mondo delle imprese opportunità concrete per investire sul territorio”.

Al riguardo Girolamo Fazio, ex sindaco di Trapani, oggi capogruppo consiliare di “Uniti per il Futuro”, dichiara: “È la naturale conclusione di un percorso, irto di ostacoli e travagliato, avviato a suo tempo dalla amministrazione comunale che ho avuto l’onore e l’onere di presiedere da Sindaco».

“Auspico – continua Fazio che questo strumento, oggi nelle mani dell’amministrazione Damiano, che dovrà seguirne la fase operativa, possa essere strumento di sviluppo per le imprese trapanesi che vorranno investire e di sostegno alla economia del capoluogo”.

“La ZFU è uno strumento, importantissimo – continua il capogruppo di Uniti per il Futuro –, che però ha bisogno, come ogni altra iniziativa di essere sostenuta con efficienza amministrativa e lungimiranza politica. Per parte nostra, per il ruolo che ci compete, e per coerenza con le scelte amministrative del passato che ci hanno visto protagonisti insieme ad altre città, anche metropolitane e con infrastrutture economiche di gran lunga superiori alle nostre, appoggeremo ogni iniziativa che andrà in direzione del sostegno allo sviluppo economico di Trapani attraverso gli strumenti della ZFU, ma non rinunceremo alle nostre prerogative di stimolo e controllo se dovessimo ravvisare da parte della odierna amministrazione comunale rallentamenti o passi esitanti nella direzione segnata dal provvedimento del Ministero”.

“Grande soddisfazione esprimiamo non solo per l’inserimento di Trapani tra le ZFU ma anche del vicino comune di Erice– conclude Fazio –, ulteriore dimostrazione di come all’unico tessuto urbano è sovrapponibile un unico tessuto economico ed analoghe direttrici di sviluppo”.

harajuku heritage trends
wandtatoo What Kind of Salary Does a Fashion Buyer Earn

I think this is something that only you can establish
chanel espadrillesThe Best Hotels in Scottsdale