Da Calatafimi ad Alcamo. Marcia sul cammino francescano del Beato Arcangelo

Un pellegrinaggio a piedi dal santuario Madonna di Giubino di Calatafimi alla chiesa Santa Maria di Gesù di Alcamo. Si tratta della prima  edizione  di un evento in programma il 23 luglio, dedicato al  Beato Arcangelo. Il raduno alle ore sedici al santuario del Giubino e dopo un breve momento di preghiera il via al pellegrinaggio di sedici chilometri.  L’arrivo previsto ad Alcamo nella chiesa di santa Maria del Gesù alle ore 22,30. Le domande di partecipazione dovranno essere presentate entro l’otto luglio. Potranno partecipare al cammino i primi 200 iscritti, che siano di età superiore ai 14 anni. Si tratta del primo cammino francescano dedicato al Beato Arcangelo, che nacque a Calatafimi.

Alla chiesa di Santa Maria di Alcamo si svolge ogni anno il triduo  dedicato al Beato Arcangelo e a conclusione la processione alla Grotta del Beato. Grande è la devozione verso il Beato Arcangelo, che nacque nel 1390 dalla nobile famiglia Placenza di Calatafimi e sin dalla fanciullezza si mostrò inclinato alla pietà e all’ amore verso gli umili. Ad Alcamo si impegnò a rilanciare l’ospedale di Sant’Antonio, in stato di abbandonato, e nel tempo libero si ritirava nella vicina grotta, accanto al convento, detta del Beato Arcangelo, per pregare. Predicò la parola di Dio. Morì ad Alcamo il 24 luglio del 1460. Numerosi miracoli sono avvenuti presso la sua tomba e il culto a lui rivolto è stato approvato da papa Gregorio XVI. Promotori: Alessandro Savallo dell’Ordine francescano secolare, fra Tindaro Faranda, parroco di Santa Maria  di Gesù, padre Giovanni Mucaria rettore del santuario Madonna di Giubino, fra Carmelo Finocchiaro assistente fraternità francescana, don Francesco Finazzo, vicario zonale