Covid-19, due nuovi casi a Castelvetrano e un altro a Marsala. Parte produzione “Meccatronica”

Ancora in crescita, seppur in maniera abbastanza lieve, i casi di coronavirus in provincia di Trapani. Dopo Salemi ed Alcamo l’attenzione del servizio epidemiologico dell’ASP si è anche spostata verso Castelvetrano dove si sono registrati altri due casi, portando il computo totale a quota 5. La cittadina belicina potrebbe pagare lo scotto della presenza dell’ospedale in cui lavorava un medico positivo al Covid 19, stesso filone che avrebbe poi portato anche al contagio della donna castellammarese.

Intanto il nuovo laboratorio di analisi allestito al presidio “Paolo Borsellino” di Marsala sta lavorando a ritmi elevati ma si è già ingolfata la lettura degli esiti dei numerosi tamponi effettuati. Alcuni, per evitare ulteriori intasamenti, vengono ancora inviati al Policlinico di Palermo, soprattutto quelli che riguardano altri sanitari in servizio nei presidi ospedalieri e nel 118. Gli ultimi rilievi, oltre ai due di Castelvetrano, danno un altro caso anche a Marsala, cittadina dove esiste un altro piccolo focolaio ed in cui i positivi sono saliti a 7. Dalla città lilybetana arriva fra l’altro il paziente 1 della provincia di Trapani.

Sono comunque pochi i comuni del trapanese ancora immuni e sono soprattutto in territorio belicino da Calatafimi a Poggioreale, da Vita e Santa Ninfa, da Partanna a Salaparuta. Covid 19 presente invece nelle città più grandi e nei comuni che sorgono sulla direttrice est-ovest che da Alcamo arriva a Trapani passando da Castellammare, Erice, Valderice e Paceco. Intanto, superati alcuni intoppi burocratici e lo stop alle aziende disposto dall’ultimo DPCM, il distretto produttivo Meccatronica ha avviato la produzione made in Sicily di mascherine, schermi protettivi e altri dispositivi di protezione.