Netto calo di positivi ad Alcamo e in provincia. Pronta campagna per over 50 e isole minori

Una giornata, per Alcamo e dintorni, davvero confortante e foriera di buoni auspici. Oggi, per la prima volta dopo circa un mese, i positivi nella cittadina alcamese sono scesi di ben 29 unità passando da 262 a 233. Sempre per il territorio alcamese, ma anche per l’intero hinterland (per essere più precisi per il Distretto Sanitario dell’ASP che mette assieme Alcamo, Castellammare e Calatafimi), è finalmente arrivata anche la notizia attesa da quasi due mesi. Il grande, funzionale e sicuro hub vaccinale distrettuale entrerà in funzione lunedì 10 maggio.

La giornata, finalmente, è meno preoccupante perché il numero complessivo di attualmente positivi è notevolmente diminuito in provincia di Trapani dove sono calati anche i ricoveri, sia in terapia intensiva che nei reparti covid ordinari. Sono invece cresciuti in maniera importante i guariti nei 24 comuni del trapanese.

Le belle notizie riguardano anche l’ampliamento del target dei vaccinandi. Il governatore Nello Musumeci ha infatti raggiunto un’intesa con il commissario Figliuolo. Dalle 20 di dopodomani, giovedì 6 maggio, si apriranno le prenotazioni per gli over 50, fino all’anno di nascita 1971 compreso, e per i residenti in tutte le isole minori.

La nuova fase della campagna vaccinale, per tutti i soggetti compresi nella fascia d’età tra i 50 e i 59 anni, prevede la somministrazione del siero di AstraZeneca. Le dosi saranno inoculate da giovedì 13 maggio e seguiranno, ovviamente, l’ordine di prenotazione. Per quanto riguarda, invece, i soggetti della stessa fascia d’età ma con patologie pregresse, le vaccinazioni saranno effettuate, già a partire dal 7 maggio, durante gli open day organizzati negli hub e nei punti vaccinali, con il prodotto della Pfizer-Biontech. Per tale categoria di soggetti non sarà necessaria la prenotazione.
 
Avviata anche la vaccinazione nelle isole minori e per tutta la popolazione di età superiore ai 18 anni. Si comincerà venerdì da Lampedusa, Linosa e Salina, cui seguiranno, a partire da lunedì 10 maggio, le restanti isole Eolie, le Egadi e Ustica, con ordine legato alla minore densità di popolazione. “Il generale Figliuolo – ha detto il presidente della Regione – mi ha assicurato il varo di un piano, nelle prossime ore, proprio per le isole minori. Non è escluso che unità militari possano contribuire alle vaccinazioni nelle piccole comunità isolane già in questo fine settimana”.