C/mare del Golfo: disponibile la poltrona job

0
404

Una poltrona ‘job’ che dà la possibilità a persone con difficoltà motorie di fare il bagno in mare in tutta sicurezza: è quella che il Rotary Club Castellammare del Golfo Segesta Terre degli Elimi ha donato, in comodato d’uso per cinque anni, al Lido Pirata di Castellammare del Golfo, sulla spiaggia Plaia. Il varo ufficiale della poltrona, acquistata nei giorni scorsi grazie ad una raccolta fondi voluta dalla presidente Clelia Anania proprio durante il tradizionale passaggio di campana, grazie al sorteggio di due quadri messi a disposizione dai soci Anna Maria De Blasi, prefetto del Club, e Filippo Nobile, cosegretario. La poltrona Job è un’attrezzatura fondamentale per tutti coloro che assistono persone con disabilità motorie, che potrà essere utilizzata a servizio dei tanti che altrimenti non avrebbero modo e possibilità di recarsi al mare. Si tratta in pratica di una carrozzina da trasporto progettata per persone con problemi di mobilità ed adatta per muoversi sulla sabbia e nell’acqua del mare. Non a caso è costruita con due ruote che rendono possibile la locomozione anche su percorsi particolari come gli arenili.
Adesso, dunque, chi si trova in carrozzina, potrà muoversi agevolmente sulla spiaggia ed entrare in acqua in tutta sicurezza. Lo stabilimento presso il quale il presidio è disponibile è facilmente identificabile grazie un cartello posto all’ingresso della struttura. La poltrona di fatto abbatte le barriere architettoniche e regala vacanze meno difficoltose a chi si trova in carrozzina, permettendogli di muoversi agevolmente sul litorale ed in acqua, in quanto sorregge il peso del disabile e gli permette di immergersi nel mare. Ulteriori informazioni sull’uso della poltrona sono reperibili presso il Lido Pirata, i servizi sociali dei Comuni di Calatafimi Segesta e di Castellammare del Golfo e le associazioni di “diversabili” presenti sul territorio.
All’inaugurazione, a cui erano presenti, tra gli altri, il presidente del Rotary Club di Castellammare, Clelia Anania, del sindaco Nicola Coppola, dei proprietari del Lido Antonino Cacioppo e Salvatore Varvaro, dei dirigenti dello Studio Clinico Pedagogico Victor di Palermo Filippo Nobile e Vincenzo Bussa, di mons. Michele Crociata, hanno preso parte numerosi diversamente abili che, già da oggi, potranno utilizzare questo importante strumento di movimento.
Si avvia così il primo progetto di servizio voluto dal Club Rotary di Castellammare denominato “Tutti al mare”, che secondo il pedagogista Filippo Nobile “attraverso questa metodologia di lavoro permetterà alle persone normodotate e disabili di vivere momenti di vicinanza, scambio e relazione che altrimenti non avrebbero possibilità di vivere; esperire relazioni positive che motivano gli individui per l’abbattimento delle barriere e della discriminazione”. Uno degli altri obiettivi che si pone il progetto ideato dal Rotary prevede l’impegno del “Lido Pirata” per la posa di passerelle che portano al mare.

and the bewildering look did nothing to add to the duo performance
Isabel Marant Sneaker post awards and fashion recap TV specials

Try the 7 suggestions below
louis vuitton neverfulOne of the Strongest Gemstone